Completamento orario tra statale e paritaria: superamento dell’orario obbligatorio e frazionamento della cattedra

Docente  – vorrei una delucidazione in merito ad una questione che mi sta letteralmente confondendo. Io presto servizio in una scuola paritaria di II grado per n°3 di ore, è un serale. Mi è pervenuta una supplenza di 18 ore per 15 giorni in un istituto statale. In questo modo supererei le 18 ore,come devo comportarmi?

Paolo Pizzo – Gentilissima docente,

non è possibile avere un orario settimanale superiore alle 18 ore tra scuola statale e paritaria.

L’art. 4 comma 1 del D.M. n. 131/2007 prevede che l’aspirante cui venga conferita, in caso di assenza di posti interi, una supplenza ad orario non intero, anche nei casi di attribuzione di supplenze con orario ridotto in conseguenza della costituzione di posti di lavoro a tempo parziale per il personale di ruolo, conserva titolo, in relazione alle utili posizioni occupate nelle varie graduatorie di supplenza, a conseguire il completamento d’orario, esclusivamente nell’ambito di una sola provincia, fino al raggiungimento dell’orario obbligatorio di insegnamento previsto per il corrispondente personale di ruolo.Tale completamento può attuarsi anche mediante il frazionamento orario delle relative disponibilità, salvaguardando in ogni caso l’unicità dell’insegnamento nella classe e nelle attività di sostegno.

Sempre ai sensi dell’art. citato Il completamento d’orario può realizzarsi, alle condizioni predette, anche tra scuole statali e non statali con rispettiva ripartizione dei relativi oneri.

L’orario obbligatorio di insegnamento previsto per il personale di ruolo è indicato dall’art. 28 del CCNL/2007: “In coerenza con il calendario scolastico delle lezioni definito a livello regionale, l’attività di insegnamento si svolge in 25 ore settimanali nella scuola dell’infanzia, in 22 ore settimanali nella scuola elementare [più 2 ore di programmazione] e in 18 ore settimanali nelle scuole e istituti d’istruzione secondaria ed artistica, distribuite in non meno di cinque giornate settimanali. “

Pertanto, dal momento che svolgi già 3 ore nella scuola privata non è possibile accettare 18 ore nella scuola statale (si arriverebbe a 21 ore). Potresti accettarne al massimo 15.

Ti segnalo questa FAQ in cui spieghiamo che se sei impegnato per la scuola privata non hai diritto di richiedere lo spezzettamento della cattedra interna ai fini del completamento.

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads