Giorni di malattia per il docente nominato per supplenza breve

Maria – sono un insegnante precaria della scuola elementare. Vorrei se possibile chiedere un informazione. Ho una nomina come insegnante di sostegno per maternità a rischio che momentaneamente si sta rinnovando mensilmente (in quanto la collega che sostituisco  non è ancora in maternità obbligatoria). A breve dovrò subire un  intervento. Vorrei sapere se per i giorni di malattia di cui avrò bisogno sono retribuiti al 100 per 100, e se ci sono rischi di perdere la supplenza perché in malattia. Non so se questa è la sede giusta, ma confido nella vostra gentilezza e professionalità. Colgo l’occasione per augurarvi buone feste e buon 2014.

Paolo Pizzo – Gentilissima Maria,

le assenze per malattia del personale assunto con contratto a tempo determinato sono regolate dall’art. 19 del CCNL/2007.

I commi 10  e 11 prescrivono:

10. Nei casi di assenza dal servizio per malattia del personale docente ed ATA, assunto con contratto a tempo determinato stipulato dal Dirigente scolastico, si applica l’art. 5 del D.L. 12 settembre 1983, n. 463, convertito con modificazioni dalla legge 11 novembre 1983, n. 638. Tale personale ha comunque diritto, nei limiti di durata del contratto medesimo, alla conservazione del posto per un periodo non superiore a 30 giorni annuali, retribuiti al 50%.

11. I periodi di assenza parzialmente retribuiti di cui al precedente comma 10 non interrompono la maturazione dell’anzianità di servizio a tutti gli effetti.”

Pertanto, hai diritto a 30 giorni di malattia pagati al 50% (non interrompono l’anzianità di servizio a tutti gli effetti).

Superato il limite di 30 giorni si avrà la risoluzione del rapporto di lavoro (non esistono deroghe).

Ai sensi dell’art. 13 della Legge 177/76 gli assegni imponibili si considerano integralmente anche se dovuti in misura ridotta. Nel caso di assenza per malattia con retribuzione ridotta la contribuzione sulla retribuzione sarà effettuata in misura intera.

A nome della redazione ricambio gli auguri.

Posted on by nella categoria Assenze, Permessi e aspettative
Versione stampabile
ads ads