Docente assunto da domanda di messa a disposizione. Spetta la proroga senza dover scorrere di nuovo le graduatorie

Graziella – Spett. Orizzonte Scuola, vorrei porre un quesito a cui non ho trovato risposta consultando il vostro sito. E’ possibile prorogare una supplenza a termine a un docente individuato fuori graduatoria (al momento della prima nomina tutti i docenti in graduatoria erano occupati), se al momento della proroga vi sono in graduatoria docenti liberi? Prevale la continuità didattica prevista dal Regolamento delle supplenze o invece il fatto di essere inseriti in graduatoria? Grazie e cordiali saluti

Lalla – Gent.ma Graziella, nel momento in cui il docente viene assunto, anche da domanda di messa a disposizione (quindi fuori graduatoria per esaurimento delle stessa), sottoscrive con il datore di lavoro (in questo caso nella persona del Dirigente Scolastico) un contratto di lavoro che risponde ad una determinata normativa, vincolante per entrambe le parti.

Il contratto stipulato al docente assunto da messa a disposizione è uguale a quello stipulato da graduatoria, per cui vale anche per il docente in questione il Regolamento delle supplenze (dm n. 131/07) che all’art. 7 comma 4 afferma

"Per ragioni di continuità didattica, ove al primo periodo di assenza del titolare ne consegua un altro, o più altri, senza soluzione di continuità o interrotto solo da giorno festivo o da giorno libero dall’insegnamento, ovvero da entrambi, la supplenza temporanea viene prorogata nei riguardi del medesimo supplente già in servizio, a decorrere dal giorno successivo a quello di scadenza del precedente contratto. "

A nulla rileva il fatto che alla data di scadenza del primo contratto possano esserci docenti liberi in graduatoria (cioè che abbiano terminato quella supplenza che ha impedito loro di accettare la supplenza la prima volta), la normativa infatti non dice di scorrere nuovamente le graduatorie per attribuire la proroga, qualora naturalmente il secondo periodo di assenza del titolare segua al primo senza soluzione di continuità.

E’ sbagliato credere che il docente individuato da messa a disposizione abbia minori diritti rispetto al docente inserito in graduatoria, anche perchè la possibilità, per le scuole, di servirsi delle domande di messa a disposizione è contemplata nella normativa, in particolare nella circolare annuale per il conferimento delle supplenze del 30 agosto 2013, che afferma

"Qualora dopo lo scorrimento di tutte le graduatorie, ivi comprese quelle di circolo e di istituto, occorra ancora procedere alla copertura di posti di personale docente, i competenti dirigenti scolastici dovranno utilizzare le graduatorie delle scuole viciniori.

Esaurita tale possibilità i medesimi Dirigenti Scolastici potranno fare ricorso a personale, sempre fornito di titolo idoneo, che abbiano presentato istanza di messa a disposizione"

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads