Il pagamento delle vacanze non dipende dall’orario di lavoro del dipendente

Francesca – sono una docente in terza fascia d’istituto di un Istituto comprensivo. Ho un incarico di 12 ore settimanali per sostituire una docente in interdizione di maternità e ho bisogno di capire se la scuola debba farmi il contratto che mi copra o meno le vacanze natalizie.

La collega in interdizione ha presentato due certificati per interdizione, uno fino al 27 dicembre, l’altro dal 23 dicembre in poi, quindi non è “in servizio” durante le vacanze. Io sono stata assunta con un contratto fino al 22 dicembre 2013, accettando uno lo spezzone che si era reso disponibile in seguito dello sdoppiamento della cattedra, per esigenza del collega che mi precedeva in graduatoria, che ha preso 6 ore.  La scuola dice che, non avendo un orario completo, non abbiamo diritto alla copertura delle vacanze, così come del sabato e della domenica ( e , tra l’altro, mi hanno detto che bisogna modificare la data del contratto, considerando come termine il 20 dicembre). Potreste aiutarmi a dirimere la questione? Qual è la normativa di riferimento per il mio caso?  A questo punto, potrebbero fare la stessa cosa con la sospensione delle vacanze pasquali?  Nel ringraziarvi anticipatamente, vi saluto cordialmente.

Paolo Pizzo – Gentilissima Francesca,

il pagamento delle vacanze di Natale con quello del sabato e domenica sono due cose diverse.

Nel tuo caso, quindi, anche con uno spezzone orario ti spetta necessariamente il pagamento delle vacanze se sei stata assunta da almeno 7 gg. prima l’inizio delle stesse.

l’art. 40 comma 1 del CCNL comparto scuola stabilisce che ” qualora il docente titolare si assenti in un’unica soluzione a decorrere da una data anteriore di almeno sette giorni all’inizio di un periodo predeterminato di sospensione delle lezioni e fino a una data non inferiore a sette giorni successivi a quello di ripresa delle lezioni, il rapporto di lavoro a tempo determinato è costituito per l’intera durata dell’assenza. Rileva esclusivamente l’oggettiva e continuativa assenza del titolare,indipendentemente dalle sottostanti procedure giustificative dell’assenza del titolare medesimo.”

La scuola deve quindi pagarti le vacanze se rientri in quanto stabilito dall’articolo in questione. Il fatto che tu abbia lo spezzone non c’entra nulla.

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads