PAS. Residenti in Lazio, ci scriviamo in Umbria, che ci dirotta verso le Marche

Maurizio – Gent.ma Lalla mi sono iscritto insieme ad altri quattro colleghi al pas per la classe di concorso 029 in Umbria, pur essendo di Viterbo abbiamo comunque preferito Perugia a Roma pensando di poter espletare il servizio più agevolmente evitando il traffico della capitale.

Usr umbro ci vuole girare ad Urbino senza considerare la lontananza e tutte le difficoltà che comporta senza prendere i considerazione la nostra città’ di residenza e la possibilità di farci inserire a Roma 3. Le sembra corretto possiamo opporci ? Grazie

Lalla – gent.mo Maurizio, io ritengo che l’USR Umbria, in tutta questa vicenda, sia l’ufficio che ha meno colpe.

Come tutti sappiamo, la scelta della regione, nella domanda presentata entro il 5 settembre 2013, è stata a scatola chiusa (anche se confortata da notizie sindacali che davano per certa l’attivazione di tutti i corsi in tutte le regioni). Risultato finale: corsi non attivati per tutte le classi di concorso, candidati che si pentono delle scelte compiute, come nel vostro caso.

In tutto ciò viene ad inserirsi l’USR Marche, che permette ai candidati per i quali non è stato attivato il corso nella propria regione, di inserirsi negli atenei marchigiani.

In considerazione di ciò, l’USR Umbria ha predisposto i nulla osta verso le Marche. Non è dunque l’USR Umbria a non voler concedere il permesso alla frequenza presso le Università laziali, ma queste ultime a non avere (ancora) manifestato interesse (o possibilità) ad accettare candidati di altre regioni. Non ci risulta infatti che si sappia già come sarà la distribuzione dei candidati nelle Università del Lazio.

Posted on by nella categoria Diventare insegnanti
Versione stampabile
ads ads