Congedo parentale: entro quanto tempo bisogna presentare la richiesta?

Michela – Sono una insegnante che ha ricevuto una proposta per una supplenza di 20 giorni in una scuola. Ho il bambino di 4 mesi e vorrei chiedere la facoltativa o congedo parentale. Posso rispondere alla scuola che accetto anticipando l’intenzione di usufruire della facoltativa? La richiesta del congedo parentale viene accettata automaticamente e decorre da tale momento oppure richiede giorni per essere accettata dal preside? Grazie.

Paolo Pizzo – Gentilissima Michela,

si premette che il congedo parentale (già astensione facoltativa), a differenza di quello di maternità/paternità/interdizione dal lavoro per gravi complicanze della gestazione, può essere chiesto dal genitore dipendente solo ed esclusivamente se vi è un rapporto di lavoro in atto all’inizio e durante il periodo di congedo richiesto.

Pertanto, per ottenere i benefici previsti per il congedo parentale, come tutti i benefici previsti da norme o da disposizioni contrattuali a domanda, il dipendente deve aver confermato il proprio rapporto di lavoro con la presa di servizio.

L’art. 12 commi 7 e 8 del Contratto Scuola (art. 19 per il personale assunto a tempo determinato) stabilisce che ai fini della fruizione, anche frazionata, dei periodi di congedo parentale, la lavoratrice madre o il lavoratore padre presentano la relativa domanda, con l’indicazione della durata, all’ufficio di appartenenza di norma quindici giorni prima della data di decorrenza del periodo di astensione. La domanda può essere inviata anche per mezzo di raccomandata con avviso di ricevimento purché sia assicurato comunque il rispetto del termine minimo di quindici giorni. Tale disciplina trova applicazione anche nel caso di proroga dell’originario periodo di congedo parentale.

In presenza di particolari e comprovate situazioni personali che rendano impossibile il rispetto della disciplina di cui sopra, la domanda può essere presentata entro le quarantotto ore precedenti l’inizio del periodo di astensione dal lavoro.

Si precisa che la concessione del congedo non è a discrezione del Dirigente trattandosi di un diritto potestativo del dipendente.

Pertanto, puoi prendere servizio e contestualmente presentare domanda di congedo anche entro le quarantotto ore precedenti l’inizio del periodo di astensione dal lavoro.

Posted on by nella categoria Maternità e Paternità
Versione stampabile
ads ads