Proroga della supplenza quando cambia la tipologia dell’assenza del titolare

Scuola – Nella ns scuola si è verificata questa situazione:  docente di sostegno si assenta per trenta  giorni e viene nominato un supplente. Allo scadere dei trenta giorni con interruzione della domenica il docente presenta altro certificato per interdizione con scadenza data presunta parto ad agosto. Bisogna applicare l’art. 7 comma 4 e quindi prorogare,  o, considerata la durata del nuovo contratto sino al termine delle lezioni, riconvocare ai sensi dell’art. 8 comma 2. E’ prevalente cmq la continuità didattica? E’ rilevante anche la data se avesse presentato il certificato con scadenza ad agosto entro il 31.12?  Grazie per la Vs. preziosa consulenza.

Paolo Pizzo – Gentile scuola,

l’art. da applicare è il 7/4 del DM 131/07 con decorrenza domenica e scadenza termine delle lezioni.

L’art. in questione recita:

“ Per ragioni di continuità didattica, ove al primo periodo di assenza del titolare ne consegua un altro, o più altri, senza soluzione di continuità o interrotto solo da giorno festivo o da giorno libero dall’insegnamento, ovvero da entrambi, la supplenza temporanea viene prorogata nei riguardi del medesimo supplente già in servizio, a decorrere dal giorno successivo a quello di scadenza del precedente contratto. “

Si noti come l’art. non faccia alcun riferimento alla tipologia di assenza del titolare (ciò che infatti rileva ai fini della proroga della supplenza è solo la continuità dell’assenza) e includa espressamente il “giorno libero dall’insegnamento” o il giorno festivo.

Pertanto, al supplente già in servizio dovrete prorogare il contratto con decorrenza domenica e termine ultimo giorno di lezione (dopo il 31/12 tutte le supplenze possono arrivare fino a tale data) perché il titolare non è mai rientrato in servizio interrompendo l’assenza per la sola domenica.

Si ricorda che l’assenza in questione non è comunque tale da rendere il posto vacante o disponibile (come può essere un’aspettativa, un dottorato ecc.), si tratta infatti sempre di supplenza breve.

Per tali motivi anche se il congedo per interdizione fosse stato richiesto prima del 31/12 non sarebbe cambiato nulla.

 

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads