Congedo matrimoniale per il docente di religione

Paola – Siamo due insegnanti di scuola primaria e vorremmo sposarci quest’anno il 20 dicembre, so che scrivere ora è presto ma per  poter prenotare i locali e la chiesa abbiamo bisogno anche di una certezza sul congedo. Io sono un’insegnante di Religione con incarico annuale, lui insegna in ruolo sul posto comune. Sposandoci il 20 dicembre 2014 possiamo usufruire del congedo matrimoniale dal 7 gennaio 2015. Ho letto proprio su orizzonte scuola che i giorni del congedo devono essere 15 consecutivi e possono essere presi da 1 settimana prima a 2 mesi dopo il matrimonio, è giusto?

Paolo Pizzo – Gentilissima Paola,

L’art. 15 comma 3 del CCNL comparto Scuola prevede che il personale docente, educativo ed ATA assunto a tempo indeterminato ha diritto ad un permesso retribuito continuativo e non fraziona­bile di quindici giorni che decorrono dalla data indicata dal dipendente stesso e comunque in uno spazio temporale compreso tra una settimana prima e due mesi successivi al matrimonio stesso; nel periodo, continuativo e non frazionabile, si conteggiano tutti i giorni ricadenti all’interno dello stesso anche non lavorativi e festivi.

Sono equiparati ai dipendenti di ruolo e hanno diritto al permesso retribuito per matrimonio previsto dall’art. 15/3 gli insegnanti di religione cattolica (IRC) incaricati stabilizzati, cioè coloro che, oltre ad essere in possesso del titolo di studio, hanno il posto orario completo (anche con l’unione di più spezzoni) e almeno quattro anni di insegnamento.

Rientrano altresì in questa categoria gli insegnanti di religione cattolica (IRC) della scuola di infanzia e primaria con una nomina di almeno 12 ore e che abbiano maturato il quadriennio di insegnamento (C.M. n. 77/1990).

L’art. 19 comma 1 del CCNL comparto Scuola prevede che al personale assunto a tempo determinato, al personale di cui all’art. 3, comma 6, del D.P.R. n. 399 del 1988 e al personale non licenziabile di cui agli artt. 43 e 44 della legge 20 maggio 1982 n. 270, si applicano, nei limiti della durata del rapporto di lavoro, le disposizioni in materia di ferie, permessi ed assenze stabilite dal presente contratto per il personale assunto a tempo indeterminato, con le precisazioni di cui ai successivi commi.

Il comma 12 prevede che “Il personale docente ed ATA assunto a tempo determinato ha diritto entro i limiti di durata del rapporto, ad un permesso retribuito di 15 giorni consecutivi in occasione del matrimonio”.

Sono equiparati ai dipendenti non di ruolo e hanno diritto al permesso retribuito per matrimonio previsto dall’art. 19/12 gli insegnanti di religione cattolica (IRC) incaricati non stabilizzati, cioè coloro che, pur avendo il titolo di studio, non hanno maturato il quadriennio di insegnamento oppure lo hanno maturato ma non prestano servizio con orario completo.

Rientrano altresì in questa categoria i docenti di religione cattolica (IRC) “supplenti temporanei”, cioè coloro che sono nominati in sostituzione di un docente assente.

Ti confermo quindi che potrete fruire del congedo in uno spazio temporale compreso tra una settimana prima e due mesi successivi al matrimonio stesso (ciò vale anche per il personale assunto a tempo determinato, se il matrimonio rientra nel periodo in cui il dipendente è sotto contratto).

Posted on by nella categoria Permessi e aspettative
Versione stampabile
ads ads