Pensionamento anticipato per le donne

Laura – Buonasera, sono un’insegnate della scuola primaria, nata l’11\12\1954 con 38 anni e 10 mesi di servizio al 13\12\2013. Vorrei gentilmente sapere se dal primo settembre del 2016 potrò andare in pensione anticipata o dovrò aspettare ancora un anno, sperando che non cambi la normativa. la ringrazio.

FP – Gentile Laura,

secondo quanto stabilito dalla L. 214/2011 lei raggiunge i requisiti per il pensionamento anticipato nel 2016 ovvero al raggiungimento della condizione prevista per la quiescenza anticipata per le donne che è 41 anni e 10 mesi di anzianità contributiva.

Si precisa che:

sulla quota di trattamento relativa alle anzianità contributive maturate antecedentemente il ° gennaio 2012, è applicata una riduzione percentuale pari a 1 punto percentuale per ogni anno di anticipo nell’accesso al pensionamento rispetto all’età di 62 anni; tale percentuale annua è elevata a 2 punti percentuali per ogni anno ulteriore di anticipo rispetto a due anni. Nel caso in cui l’età al pensionamento non sia intera la riduzione percentuale è proporzionale al numero di mesi. Pertanto la misura della sua pensione subirà una penalizzazione di circa 0,25% sulla quota retributiva del calcolo.

Posted on by nella categoria Pensioni
Versione stampabile
ads ads