Riposi per allattamento per la docente che rientra a disposizione dopo il 30 aprile

Alice – Sono una docente di ruolo di scuola secondaria in maternità  obbligatoria. Riprenderò servizio dopo il 30 aprile, dunque senza carico  didattico nelle 4 classi che rimangono alla mia supplente,ma rientrando  sulle cosiddette  ‘ore di disposizioni. Vorrei sapere come nel mio caso  ci si regoli con il calcolo delle ore di riduzione per allattamento  considerando anche che parte del periodo cade tra la fine delle  attività didattiche (9 giugno) e l’inizio delle ferie estive. Mille  Grazie.

Paolo Pizzo – Gentilissima Alice,

la riduzione orari a per il c. d. allattamento è subordinata esclusivamente all’orario di lavoro giornaliero e le ore di riposo, da utilizzare anche cumulativamente all’inizio o alla fine dell’orario di lavoro, devono essere così ripartite:

  • Se la giornata di lavoro è pari o superiore a 6 ore il riposo sarà di 2 ore (anche cumulabili);
  • Se la giornata di lavoro è inferiore a 6 ore il riposo è di 1 ora.

Tale modalità è immutata anche per il docente che rientra a disposizione dopo il 30 aprile.

Pertanto, dal momento che l’orario settimanale per il docente di ruolo di II grado è di 18 ore  da svolgere in non meno di 5 giorni, e presumendo che l’orario giornaliero sia pari o superiore alle 6 ore e che nella tua scuola tutti i docenti in servizio abbiano il giorno “libero”, nessuna discriminazione può essere fatta per il docente che rientra a disposizione dopo il 30 aprile e quindi anche tu hai diritto a 5 ore di riposo e sarai a disposizione per le restanti 13 ore settimanali.

Il consiglio è quello di stabilire fin da ora (o comunque prima di rientrare a disposizione) il tuo orario settimanale per le 13 ore (quindi con i giorni e le ore già stabilite) onde evitare “distorsioni” sulla materia “rientro a disposizione” (del tipo “non facciamo nessun orario e ti chiamiamo noi al bisogno…”).

Dopo il termine delle lezioni il problema non si pone in quanto dovrai presenziare solo ad eventuali collegi dei docenti (gli scrutini spettano a chi ti sostituisce).

Posted on by nella categoria Maternità e Paternità, Didattica
Versione stampabile
ads ads