Proroga della supplenza nella scuola dell’Infanzia: chiarimenti per la scuola

Scuola –  A seguito assenza  del titolare scuola infanzia ho nominato un supplente per 15 giorni da graduatoria di istituto superiore a 10 giorni. Successivamente il titolare si è assentato di nuovo per un ulteriore periodo di 35 giorni,la mia domanda è la seguente : al supplente spetta la proroga avendo già nominato da graduatoria superiore ai 10 giorni (convocazione telefonica -fonogramma) o devo nominare nuovamente perché trattasi di supplenza superiore ai trenta giorni e quindi pur nominando dalla stessa graduatorie è necessario rispettare i tempi 24+24 ore -termini per la convocazione supplenze superiore a trenta giorni. Data l’urgenza dovendo effettuare il contratto vi chiedo gentilmente una risposta rapida usando stesso mezzo. Vi ringrazio anticipatamente.

Paolo Pizzo – Gentile scuola,

al supplente in questione spetta la proroga della supplenza ai sensi dell’art. 7/4 del DM 131/07:

“Per ragioni di continuità didattica, ove al primo periodo di assenza del titolare ne consegua un altro, o più altri, senza soluzione di continuità o interrotto solo da giorno festivo o da giorno libero dall’insegnamento, ovvero da entrambi, la supplenza temporanea viene prorogata nei riguardi del medesimo supplente già in servizio, a decorrere dal giorno successivo a quello di scadenza del precedente contratto.”

Questo perché la prima supplenza assegnata era già superiore ai 10 giorni.

Nella scuola dell’infanzia e primaria, infatti, il “problema” della proroga si pone solo quando il supplente sia stato inizialmente nominato dalla graduatoria per supplenze fino ai 10 giorni e poi il titolare si riassenti nuovamente per più di 10 giorni senza soluzione di continuità.

In questo caso non spetta più la proroga al supplente già in servizio in quanto occorre riconvocare dalle GI.

A tal proposito e a conferma dell’art. 7/7 del DM 131/07 il MIUR ha affermato che “La supplenza conferita in base all’art. 7 comma 7 del Regolamento D.M. 131/2007 (durata pari o inferiore a 10 giorni) può essere prorogata tante volte quanto necessario, purché le singole proroghe abbiano durata pari a quella prevista dal citato comma ( fino a 10 giorni). Per durata superiore, si dovrà scorrere la normale graduatoria”.

Non è il caso esposto nel quesito.

Pertanto, dovete disporre la proroga del contratto al supplente già in effettivo servizio.

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads