Mobilità: la domanda di trasferimento volontario può presentarla anche chi “sa già” di essere perdente posto

Federica – Sono un’insegnante di sostegno scuola primaria. Avrei un quesito da porre: posso fare la domanda di trasferimento volontario, sapendo già di essere perdente posto nel mio istituto (assenza di alunni certificati L.104) o devo necessariamente attendere di essere dichiarata perdente posto e poi fare domanda di trasferimento d’ufficio? Ringrazio per l’attenzione e porgo cordiali saluti.

Paolo Pizzo – Gentilissima Federica,

l’ART. 21 comma 4 del CCNI 2014/15 (INDIVIDUAZIONE PERDENTI POSTO DELLA SCUOLA DELL’INFANZIA E PRIMARIA) stabilisce che Il dirigente scolastico competente provvede, entro i 15 giorni successivi al termine fissato dall’O.M. per la presentazione delle domande di mobilità, alla formazione e pubblicazione all’albo dell’istituzione scolastica delle graduatorie relative agli insegnanti titolari…

Le scuole, quindi, anche se sappiamo che si affrettano nel far compilare ai docenti titolari la scheda relativa ai punteggi della graduatoria interna di istituto, non potranno dichiarare il personale titolare perdente posto prima della fine delle operazioni di mobilità che scadono il 29 marzo (salvo proroghe).

Questo perché la domanda di trasferimento che scade il 29 marzo e poi la relativa pubblicazione della graduatorie interne di istituto e gli eventuali docenti dichiarati perdenti posto sono due operazioni completamente distinte e separate.

Pertanto, anche se già presumi di essere perdente posto puoi comunque produrre domanda di trasferimento volontario e successivamente si riapriranno i termini di mobilità per chi è dichiarato perdente posto e potrai poi solo in quel momento decidere cosa fare: produrre domanda di rientro nella tua scuola oppure non produrre domanda di rientro e partecipare al trasferimento volontario.

Ma, ripeto, è solo una seconda fase che per ora non ha niente a che fare con la domanda che potrai tranquillamente effettuare entro il 29 marzo.

Posted on by nella categoria Mobilità
Versione stampabile
ads ads