Il congedo parentale sospeso dalla malattia del dipendente

Scuola – Buongiorno, vorremmo una delucidazione:  una docente a tempo determinato con contratto fino al termine delle attività didattiche 30/06/2014 ha presentato richiesta di fruizione di  astensione facoltativa per il figlio dal 05/01/2014 al 30/04/2014. Ora, durante questo periodo, l’ins.te è stata sottoposta in data 11/03/2014 ad intervento chirurgico e dall’ospedale le sono stati prescritti 20 giorni di riposo a partire dalla data di dimissione 14/03/2014. In virtù di questo la docente chiede la sospensione del suddetto congedo parentale per il figlio, da sostituire con la malattia per se stessa.  E’ possibile? Qual è la normativa che lo prevede? Grazie.

Paolo Pizzo – Gentile scuola,

l’INPS, con circolare n. 8/2003, ha avuto modo di chiarire che l’assenza dal lavoro per cause (come il congedo parentale) legate non ad una “sospensione” del rapporto di lavoro ma ad una semplice inesigibilità della relativa prestazione lavorativa non configura, agli effetti erogativi della indennità di malattia, una sospensione del rapporto di lavoro.

Per quanto riguarda il diritto al congedo parentale, continua l’INPS, si precisa che anche i periodi di malattia indennizzati o indennizzabili, che si verifichino durante il congedo parentale, devono essere considerati neutri ai fini del complessivo periodo di congedo parentale spettante.

La scuola, dunque, all’atto della comunicazione del dipendente, essendo mutato il titolo dell’assenza, deve imputare l’assenza in malattia della dipendente.

Terminata la malattia, il dipendente potrà continuare a fruire del congedo parentale che è stato solo “sospeso” dalla propria e i giorni di congedo parentale non conteggiati a causa della malattia del figlio potranno anche essere fruiti dopo l’originaria data di scadenza del congedo parentale.

Posted on by nella categoria Maternità e Paternità
Versione stampabile
ads ads