Anno di prova per chi è immesso in ruolo con decorrenza giuridica al 01/09/2013: le scuole non complichino ciò che è già chiaro

Marzia – avrei una situazione complessa da esporvi. Il 27 febbraio ho firmato un contratto a tempo indeterminato nel sostegno a  decorrenza giuridica retroattivo al 01/09/2013. Nel contratto è espressamente scritto che l’anno di formazione dovrà essere  svolto nell’anno 2014-15.

Il personale dell’USP e i sindacati tuttavia hanno detto a me e a tutti i  colleghi che hanno ottenuto il ruolo che potremo svolgerlo anche quest’anno. La Segreteria della scuola presso cui lavoro ha però mosso molte obiezioni in  proposito proprio in virtù di quanto indicato nel contratto stipulato dal  Provveditorato e da me firmato e chiede che l’USP intervenga a correggere il  contratto suddetto apportando una modifica scritta che autorizzi a svolgere  l’anno di formazione ora. Io da settembre ho la supplenza annuale nella materia (filosofia e storia,  classe di concorso 037) fino al 30 giugno 2014: posto che io possa davvero  svolgere la formazione nell’anno in corso, potrò farlo anche nella materia?So che  alcuni colleghi nella mia medesima situazione hanno ricevuto risposta  positiva in merito. Oppure potrò farlo quest’anno ma con tesina e ore a scuola  su un caso di disabilità? Ringrazio anticipatamente per la cortese risposta.

Paolo Pizzo – Gentilissima Marzia,

ciò che è indicato nel contratto è presente in tutti i contratti a tempo indeterminato in quanto è una formula standard e automaticamente riportata.

Pertanto, tutto normale.

Detto questo, la scuola e di seguito l’ATP devono attenersi a quanto indicato dal MIUR.

Con nota 1441 del 20 febbraio 2014 il MIUR ha ribadito che per i docenti neo nominati in ruolo su posti di sostegno, con decorrenza giuridica  1/9/2013, l’anno scolastico è considerato come anno di prova purché il neo  nominato presti servizio in qualità di supplente (annuale, fino al termine delle attività  didattiche o con supplenze temporanee di almeno 180 gg.).

Per quanto riguarda la validità del servizio si richiama la nota della D.G. del   personale scolastico prot. n. 3699 del 29 febbraio 2008 che si riporta in stralcio:   “…è valido, ai fini della prova, il servizio prestato come supplente purché svolto   nello stesso insegnamento o classe di concorso o nell’insegnamento di materie   affini…..”

Pertanto, nessun dubbio che tu lo possa fare quest’anno..

Oltretutto non c’è bisogno di alcuna correzione del contratto in quanto è lo stesso MIUR che deroga eventualmente quanto scritto all’interno di esso con apposita nota che deve essere necessariamente rispettata da tutti, a cominciare dalla scuola in questione.

Continuiamo quindi a rivolgerci alle scuole e a tutti gli ATP con preghiera di favorire i docenti che si trovino nelle tue stesse condizioni nello svolgimento dell’anno di prova.

Non rendiamo così difficili le cose che sono già chiare in partenza e non hanno bisogno di nessun intervento interpretativo: basta leggere la nota ministeriale.

Posted on by nella categoria Anno di prova neo immessi in ruolo
Versione stampabile
ads ads