Ritengo che un collega non abbia titolo valido per accedere ad una classe di concorso. A chi rivolgersi per l’accertamento?

Dolores – Sono un’insegnante di lingua spagnola in terza fascia. Ho conseguito l’abilitazione nella classe di concorso A446 grazie al TFA 2011/2012. Con l’aggiornamento della graduatoria dovrei passare in seconda fascia. Ho tuttavia un dubbio rispetto a un mio collega che attualmente frequenta i corsi del PAS per conseguire l’abilitazione nella mia stessa classe di concorso.

Questo collega lavora da anni sulla classe di concorso C032, mentre nell’insegnamento dello spagnolo ha soltanto un anno e poco più di servizio. Suppongo che abbia potuto accedere al PAS facendo valere l’anno di servizio nella classe di concorso A446 ed altre due annualità nella classe C032.

L’inghippo è proprio nel servizio che ha accumulato in quest’ultima classe di concorso. Dato che il titolo necessario per accedere alla C032 è un diploma conseguito all’estero, come è possibile che il mio collega possa lavorare su questa classe di concorso, non avendo alcun diploma estero, l’unico certificato in suo possesso è un FCE (livello B2).

Pur avendo meno servizio di me nella A446, con il punteggio accumulato grazie al servizio nella C032 e l’abilitazione che conseguirà nella A446, riuscirà molto probabilmente a scavalcarmi in graduatoria. Come posso denunciare quest’ingiustizia?

Inoltre, anche i requisiti che gli hanno permesso di accedere al PAS non sono validi, se ha fatto valere due anni di servizio nella C032. Esiste una commissione PAS alla quale posso denunciare queste irregolarità?

Ringrazio in anticipo per l’interessamento.

Lalla – gent.ma Dolores, i requisiti per accedere alla classe di conversazione in lingua estera (questi i nuovi codici) sono indicati nel

Decreto Ministeriale n. 39 del 30 gennaio 1998 e ripresi nel dm n. 62/2011 (l’ultimo decreto sulle graduatorie di istituto).

“Graduatorie di conversazione in lingua estera

• Titolo di studio conseguito nel Paese o in uno dei Paesi in cui la lingua, oggetto della conversazione, è lingua ufficiale, corrispondente a diploma di istruzione secondaria di secondo grado, purché congiunto all’accertamento dei titoli professionali

La corrispondenza si verifica quando il titolo estero consente nell’ordinamento scolastico del paese in cui è stato conseguito, l’accesso agli studi universitari, secondo apposita dichiarazione rilasciata dall’Autorità consolare italiana competente per territorio. Il predetto titolo deve essere congiunto a titoli o ad esperienze professionali, cui sia attribuibile una valenza in campo didattico, educativo, culturale.

Per l’insegnamento di conversazione in lingua estera, che sia lingua ufficiale esclusivamente in Paesi non comunitari, sono ammessi aspiranti anche non in possesso della cittadinanza di uno degli Stati membri dell’Unione Europea, in deroga a quanto previsto nell’ articolo 3 del dm 62/11. I predetti aspiranti sono, comunque, collocati in graduatoria in posizione subordinata agli eventuali aspiranti, in possesso del requisito della cittadinanza comunitaria.”

In base al dm n. 58 del 25 luglio 2013 art. 3 comma 10 “Sulla base delle dichiarazioni contenute nelle domande di ammissione gli Uffici Scolastici Regionali provvedono all’accertamento del possesso dei requisiti per accedere ai corsi speciali e compilano l’elenco degli ammessi da pubblicare sul sito internet e da trasmettere agli Atenei e alle istituzioni AFAM per i successivi adempimenti di competenza”.

Pertanto, la commissione alla quale puoi rivolgerti è stata costituita presso l’USR di riferimento, che potrai contattare per segnalare la presunta irregolarità (magari si scopre che non lo è, ci auguriamo infatti che siano già stati esperiti i controlli), in quanto potenziale controinteressata nella graduatoria di nuova costituzione per il triennio 2014/17.

Per la II fascia non conosciamo ancora la tabella di valutazione dei titoli, per cui non sappiamo se potrà essere fatto valere anche il servizio non specifico, in ogni caso i requisiti di coloro che vi accedono devono essere perfetti in base alla normativa vigente.

Posted on by nella categoria Graduatorie di Istituto (docenti precari)
Versione stampabile
ads ads