Graduatoria ad esaurimento: il periodo di indennità di maternità fuori nomina non può essere considerato utile ai fini del punteggio

Maria Cristina  – Ho un contratto a tempo determinato dal 19/10/2013 su un congedo parentale e sono a mia volta in astensione anticipata per interdizione per gravidanza a rischio.  La collega che sostituisco ha interrotto il congedo in occasione delle festività natalizie, di carnevale e Pasqua. In segreteria mi hanno detto che in questi periodi ho diritto a trattamento economico ma non giuridico. Ad oggi (3/05/14) ho maturato 182 GG di servizio. Sto attendendo qualche altro giorno all’inoltro della domanda per aggiornamento gae. Nei giorni di sospensione dal servizio non ho maturato punteggio/gg utili?

Paolo Pizzo – Gentilissima Maria Cristina,

la scuola ha ragione.

Se la titolare non risultata assente durante le vacanze ti spetterà l’indennità di maternità fuori nomina all’80% dell’ultimo stipendio ricevuto per tutto il periodo di sospensione delle lezioni, per poi eventualmente ricominciare con un contratto a tutti gli effetti dal primo giorno di lezione (se la titolare è nuovamente assente).

Pertanto, i giorni ricompresi in un periodo di sospensione delle lezioni non potranno essere considerati utili al punteggio in assenza di un contratto che li ricomprenda.

Posted on by nella categoria Maternità e Paternità, Graduatorie ad esaurimento
Versione stampabile
ads ads