Aspettativa per anno sabbatico: criteri e utili precisazioni

Rosanna  – il mio quesito è questo: attualmente (anno scol 2013/2014) in aspettativa non retribuita per intraprendere altra attività lavorativa ( ai sensi dell’art. 18 comma 3  CCNL 29/11/2007) vorrei sapere se posso chiedere per l’anno scolastico 2014/2015 l’anno sabbatico. Ho otto anni di servizio di ruolo. Ringrazio per la gentile attenzione.

Paolo Pizzo – Gentilissima Rosanna,

si premette che la fruizione del cosiddetto “anno sabbatico” è subordinata al superamento dell’anno di prova. Si presume tu abbia quindi i requisiti.

Tale aspettativa è disciplinata dall’art. 26 comma 14 della legge 448/1998 (finanziaria ‘99) che recita:

I docenti e i dirigenti scolastici che hanno superato il periodo di prova possono usufruire di un periodo di aspettativa non retribuita della durata massima di un anno scolastico ogni dieci anni. Per i detti periodi i docenti e i dirigenti possono provvedere a loro spese alla copertura degli oneri previdenziali”.

La richiesta, prodotta in carta semplice, non ha bisogno di alcuna motivazione, certificazione o autocertificazione, ma dovrà riportare solo il riferimento di legge che permette al dipendente, avendone i requisiti, di fruire dell’aspettativa richiesta.

Il periodo non retribuito trascorso in aspettativa non è utile ai fini dell’anzianità di servizio e della progressione di carriera nonché ai fini della continuità del servizio valutabile con punteggio specifico nelle procedure di mobilità e nella graduatoria interna per l’individuazione del personale soprannumerario docente.

Il dipendente che fruisce dell’aspettativa può però provvedere a proprie spese alla copertura degli oneri previdenziali.

Ultima questione

Nessuna normativa prevede che il dipendente già collocato in altra aspettativa debba necessariamente rientrare in servizio per poter poi usufruire dell’aspettativa per anno sabbatico.

Pertanto, puoi richiedere l’aspettativa per anno sabbatico secondo le modalità e per la durata finora descritte senza obbligo di rientrare in servizio.

Inoltre, l’aspettativa per anno sabbatico non si conteggia nei “due anni e mezzo in un quinquennio” dell’”aspettativa per motivi di famiglia, personali e di studio” e quindi, anche una volta terminato il periodo dell’aspettativa per motivi di famiglia, il dipendente può fruire dell’aspettativa per “anno sabbatico” (e viceversa).

Posted on by nella categoria Permessi e aspettative
Versione stampabile
ads ads