Rientro anticipato del titolare e risoluzione del contratto: la nostra tesi confermata da un orientamento ARAN

Salvatore – ho firmato un contratto per una supplenza in una scuola secondaria di 1° grado. Sul mio contratto è specificato che la supplenza durerà dal giorno 09/05/2014 al giorno 01/06/2014. Nella giornata di oggi 16/05 ricevo una telefonata dalla segreteria in cui vengo avvisato che la titolare rientra in servizio il giorno 19/05 e che quindi il mio contratto verrà revocato. Vi chiedo se è regolare una procedura del genere e nel caso non lo sia cosa posso fare? Vi ringrazio anticipatamente.

Paolo Pizzo – Gentilissimo Salvatore,

è da un po’ di anni che la nostra risposta è sempre uguale: La risoluzione del contratto stipulato con il supplente a seguito del rientro anticipato del titolare era espressamente prevista dal CCNL/1995.

Analoga previsione non è stata riportata nei successivi CCNL del 2003 e del 2007 (quest’ultimo ancora in vigore).

Pertanto non è più applicabile.

Per fare un esempio, qualora il docente titolare decidesse di anticipare il rientro in servizio da un’aspettativa non retribuita (o altro tipo di congedo, compreso il rientro anticipato al lavoro da una malattia, previa certificazione medica) spetterà al dirigente scolastico l’accoglimento di tale richiesta.

In caso di esito positivo il titolare potrà essere a disposizione della scuola ma nello stesso tempo il supplente rimarrà in servizio fino alla naturale scadenza del contratto (che coincide con l’originario termine di assenza del titolare).

A giugno dello scorso anno, su apposito quesito di una scuola,  è intervenuta l’ARAN (Orientamento Applicativo SCU_069_14/06/2013) che ha confermato la nostra tesi:

“Il contratto stipulato con il supplente si risolve nel caso di rientro anticipato del titolare?

Si fa presente che l’art. 18 comma 2 lett c) del CCNL 04/08/1995 prevedeva espressamente la risoluzione del contratto stipulato con il supplente a seguito del “rientro anticipato del titolare”, questa norma non è stata più ripresa dai successivi CCNL per cui si deve considerare non più applicabile”.

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads