Rientro del titolare dopo il 30 aprile: la continuità del supplente è dal 1 maggio senza interruzioni

Maria – non ho trovato una risposta al mio quesito e quindi ti scrivo. Avevo un contratto fino al 30 aprile. La titolare è rientrata dopo quella data e adesso è a disposizione della scuola.  La segreteria mi ha prorogato la supplenza fino al termine delle lezioni, ma ha fatto partire il contratto dal 5 maggio (la scuola era chiusa dal 1 al 4 maggio). È corretto? Oppure il mio nuovo contratto dovrebbe partire dal 1 maggio? Spero tu possa rispondermi.

Paolo Pizzo – Gentilissima Maria,

Il rientro del titolare dopo il 30 aprile è disciplinato dall’art. 37 del CCNL/2007. Il suddetto articolo prevede che “Al fine di garantire la continuità didattica, il personale docente che sia stato assente, con diritto alla conservazione del posto, per un periodo non inferiore a centocinquanta giorni continuativi nell’anno scolastico, ivi compresi i periodi di sospensione dell’attività didattica, e rientri in servizio dopo il 30 aprile, è impiegato nella scuola sede di servizio in supplenze o nello svolgimento di interventi didattici ed educativi integrativi e di altri compiti connessi con il funzionamento della scuola medesima. Per le medesime ragioni di continuità didattica il supplente del titolare che rientra dopo il 30 aprile è mantenuto in servizio per gli scrutini e le valutazioni finali. Il predetto periodo di centocinquanta giorni è ridotto a novanta nel caso di docenti delle classi terminali.”

Non c’è possibilità per la scuola di interromperti il contratto in quanto già dal 1 maggio parte la tua continuità, senza interruzioni, fino agli scrutini finali e la messa a disposizione del docente titolare.

A nulla pertanto rileva che la scuola abbia avuto giorni senza lezioni.

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads