Componente seggio elettorale e due giorni di riposo compensativo anche se il sabato è “giorno libero”

Manuela – Gentilissimi,sono stata nominata componente di seggio elettorale per le prossime elezioni e nella scuola in cui lavoro quest’anno hanno detto che pur avendo libero il sabato (presto servizio dal lunedì al venerdì su cattedra di 18 ore) non ho diritto ai due giorni di riposo compensativo ma ad uno solo perchè la normativa NON vale per la scuola in quanto il giorno libero è una concessione fatta ai docenti. Il tutto è confermato dalla RSU. La normativa è chiara e nelle altre scuole mi hanno sempre concesso due giorni. Come posso tutelarmi? Oggi ho fatto protocollare la richiesta chiedendo come permesso elettorale il martedì e come riposi compensativi il giorno dell’ultimo collegio docenti e il giorno del primo scritto dell’esame di maturità per non intaccare la didattica. Se mi risponderanno per iscritto che non è possibile come posso far valere i miei diritti? Ho bisogno di una vostra consulenza  e di vostri suggerimenti,Ringrazio in anticipo. Cordiali saluti.

Paolo Pizzo – Gentilissima Manuela,

la scuola  e la RSU hanno torto.

La “concessione” del giorno libero risponde ad un’organizzazione interna delle lezioni che comunque è conforme con l’art. 28/5 del CCNL/2007 il quale dispone che tale orario sia distribuito “in non meno di cinque giornate settimanali”.

Fatta questa premessa, la C.M. 14 giugno 1990, n. 160 (Personale statale chiamato ad adempiere funzioni presso gli uffici elettorali in occasione di elezioni politiche, europee, regionali, provinciali e comunali o di referendum) afferma che i dipendenti che fruiscono di orario di servizio distribuito su cinque giorni settimanali, esclusa pertanto la giornata del sabato,  qualora sono impegnati in tale giornata per espletamento delle suddette funzioni elettorali, hanno titolo per il recupero con altro giorno lavorativo.

Si aggiunge anche la C.M. n. 132 del 29 aprile 1992 che, citando il telegramma n. 122748 del 3 aprile del 1992 del Tesoro, ribadice che i dipendenti che partecipano alle operazioni elettorali hanno diritto a recuperare le giornate non lavorative di impegno ai seggi con giorni di recupero compensativo.

Ti spettano quindi due giorni di riposo anche se il sabato è il tuo giorno libero in quanto ai fini della concessione del riposo compensativo deve essere considerata giornata “non lavorativa”. 

Posted on by nella categoria Didattica
Versione stampabile
ads ads