Il docente che ha ottenuto il passaggio di ruolo non deve svolgere l’anno di formazione

Scuola – Una docente di educazione fisica immessa in ruolo nella scuola secondaria di II grado ,poi transitata nel ruolo della suola secondaria di I grado è di nuovo passata nel ruolo di II grado. E’ tenuta a svolgere l’anno di prova?

Paolo Pizzo – Gentile scuola,

la docente in questione ha ottenuto il passaggio di ruolo dal I al II grado.

A tale docente non dovrà avere assegnato il  tutor, non dovrà essere iscritto alle attività di formazione e non è tenuto a redigere nessuna tesina in quanto il suo anno di “formazione” è stato già espletato dal momento che si svolge una sola volta nella carriera.

La C.M. n. 88/1980 avente come oggetto la “Ripetizione del periodo di prova in casi di passaggi di cattedra e di presidenza di cui all’art. 75 del D.P.R. 31 maggio 1974, n. 417”, afferma che bisogna attenersi al parere del Consiglio di Stato, sez.II del 12 luglio 1978 n. 583/78 secondo cui:
“anche per i passaggi previsti dall’art. 75 del D.P.R. n. 417/74 debba essere prestato un nuovo periodo di prova quando il passaggio comporti anche il trasferimento di ruolo.

Nel caso, invece, in cui il passaggio non integri anche trasferimento di ruolo il periodo di prova non deve essere ripetuto.

Si cita, ad esempio, come passaggio di cattedra che comporta anche un passaggio da uno ad altro ruolo, quello relativo al passaggio dalla classe di concorso XXX (educazione musicale nella scuola media) alla classe di concorso XXIX (educazione musicale negli istituti di istruzione secondaria di II grado).

Costituisce passaggio di ruolo anche quello relativo, ad esempio, al passaggio dal ruolo dei presidi di istituti d’arte a quello dei presidi di liceo artistico e viceversa (art. 120 del D.P.R. n. 417/74 cit.).”

Nella C.M. 196/2006 e nella Nota 3699/2008 aventi sempre per oggetto l’anno di formazione dei docenti, il Ministero afferma che chi ha ottenuto il passaggio di ruolo o di cattedra di cui all’ art 10 commi 1 e 5 del CCNL 23 luglio 2003, non è tenuto a frequentare l’anno di formazione, di cui all’articolo 440 del Decreto legislativo n.297/94, e che lo stesso anno di formazione va effettuato una sola volta nel corso della carriera.

Pertanto, chi ottiene il passaggio di ruolo, dovrà solo effettuare la prova (i 180 giorni di servizio) ma non anche la formazione con tutto ciò che essa comporta.

È il caso della docente di cui al quesito.

Posted on by nella categoria Anno di prova neo immessi in ruolo, Immissioni in ruolo
Versione stampabile
ads ads