Docenti di sostegno precari nominati commissari esterni esami di Stato. Com’è possibile?

Giuseppe – Gent.le Redazione, vorrei un chiarimento in merito alla nomina a Commissari esterni per gli Esami di Stato II Ciclo di docenti di Sostegno che non hanno mai insegnato sulla disciplina e addirittura alcuni precari.

La mia segreteria mi ha impedito di inoltrare domanda (sono su Sostegno di ruolo da 7 anni) e oggi scopro colleghi con meno anni di ruolo di me, in servizio in altre scuole, che hanno ricevuto la nomina. Come è possibile?

il Ministero adotta due pesi e due misure? Ci sono scuole a cui la normativa è sfuggita? Grazie per eventuali chiarimenti.

Lalla – gent.mo Giuseppe, ti confermiamo la tua seconda supposizione. Nel momento in cui la scuola avalla la domanda di partecipazione agli Esami di Stato dei docenti in servizio presso l’Istituto (si presuppone sia stata sottoposta a controllo) l’Ufficio Scolastico inserisce i dati e poi il software dispone le nomine (anche se, date alcune nomine, dubitiamo che non ci sia lo zampino dell’uomo).

Per quanto riguarda la partecipazione dei docenti di sostegno agli Esami di Stato della scuola secondaria di II grado qualche mese fa il Miur ha risposto ad uno specifico quesito dell’USR Puglia sulla facoltà dei docenti di sostegno a tempo determinato alla presentazione della domanda per la partecipazione agli Esami di Stato in qualità di commissario esterno.

Il Miur ha precisato che “la C.M. n. 29/2014, paragrafo 2.2., lett. B (personale che ha “facoltà” di presentare la scheda come commissario esterno) non include i docenti di sostegno a tempo determinato”.

Tale circostanza in realtà era già stata evidenziata dal Miur nella ” Circolare n.7 del 19-2-2013. Formazione commissioni esami di Stato. Docente di sostegno“. In quella circostanza il Miur aveva affermato ” Si assicura, comunque, che la richiesta di cui trattasi, verrà riesaminata nel prossimo anno scolastico qualora si dovesse affrontare una revisione dell’attuale normativa.”, ma la circolare del febbraio 2014 sulla composizione delle commissioni degli Esami di Stato ha ricalcato esattamente quella degli anni precenti, senza alcuna novità.

Resta dunque preclusa agli insegnanti a tempo determinato, nonchè agli insegnanti a tempo indeterminato che non possano vantare 10 anni di servizio, la partecipazione agli Esami di Stato in qualità di commissario esterno.

Si fa comunque presente che tali docenti, qualora nei due anni precedenti l’anno in corso, abbiano prestato servizio sulla materia e non per le attività di sostegno, almeno per un anno (sempre con rapporto di lavoro a tempo determinato sino al termine dell’anno scolastico o sino al termine delle attività didattiche) in istituti statali di istruzione secondaria di secondo grado e siano in possesso di abilitazione all’insegnamento delle discipline oggetto d’esame, hanno facoltà di presentare domanda di partecipazione agli esami di stato esclusivamente con l’attribuzione dello stato giuridico “M”.

A questo punto, cosa fare? difficile dirlo, anche perchè la denuncia della mancata applicazione della normativa non porterebbe comunque a te l’assegnazione dell’incarico. Sarebbe invece opportuno coinvolgere i sindacati affinchè il prossimo anno, se il Miur dimenticherà ancora una volta di attenzionare il problema, diramino una nota a tutte le scuole della provincia, in cui venga richiamata la normativa, in modo da assicurare a tutti parità di trattamento.

Posted on by nella categoria Esami di stato
Versione stampabile
ads ads