Nelle graduatorie di istituto i figli non danno punteggio, ma preferenza

Gabriele – devo fare l’aggiornamento delle graduatorie d’istituto per l’inserimento per la prima volta in 2 fascia, dato che ho il diploma magistrale ante 2002. Per quanto riguarda i figli a carico, mi sembra di aver capito dal forum che vanno dichiarati a prescindere se siano a carico fiscalmente o no. La domanda è: viene attribuito punteggio in più a chi ha figli a carico oppure qual è il vantaggio?

Lalla – gent.mo Gabriele, i figli nelle graduatorie di istituto non danno punteggio, ma solo preferenza a parità di punteggio. Le preferenze valgono nell’ordine in cui sono inserite, così ad es. la preferenza Q “aver prestato servizio senza demerito, a qualunque titolo, ivi inclusi i docenti, per non meno di un anno alle dipendenze del Miur” precede la preferenza R, numero dei figli a carico.

La definizione di “figlio a carico” infatti non è di tipo fiscale (circostanza che potrebbe anche variare), ma fa riferimento al nucleo familiare.

I figli, anche se naturali riconosciuti, adottivi, affidati o affiliati, sono considerati a carico di ciascun genitore se fino alla scadenza del termine di presentazione della domanda (nel nostro caso 23 giugno 2014) non hanno un reddito complessivo superiore ad 2.840,51 €.

Se ci sarà ancora parità di punteggio e preferenze, si passerà a considerare il servizio prestato senza demerito nelle amministrazioni pubbliche (quadratino di pag. 12) e la più giovane età ai sensi dell’art.3, comma 7, della legge n.127/1997, come  modificata dall’articolo 2 della legge 16 giugno 1998, n.191.

Posted on by nella categoria Graduatorie di Istituto (docenti precari)
Versione stampabile
ads ads