Ferie e art. 59 del CCNL/2007. Chiarimenti per la scuola

Scuola – vorrei chiedere alcune informazioni relative ad un   insegnante con contratto fino al termine delle attivita’ didattiche che  usufruisce dell’aspettativa art. 59 CCNL 2006-2009 in quanto  collaboratore scolastico di ruolo; in particolare per quanto riguarda il conteggio dei giorni di ferie  residui da comunicare alla scuola di titolarità, vanno detratti i giorni  di sospensione delle attività didattiche(vacanze di Natale, Pasqua,  periodi di giugno e settembre senza impegni)?Devono essere applicati in  questo caso gli art.1 comma 54-55 della Lg. 228/2012 e l’art. 5 comma 8  del DL 95/2012 essendo il docente in questione di ruolo in altro profilo  e quindi le ferie non sarebbero comunque liquidate? In attesa di riscontro porgiamo cordiali saluti.

Paolo Pizzo – Gentile scuola,

abbiamo affrontato la questione in questo articolo richiamando la nota dell’ATP di Torino e l’Orientamento ARAN.

Giova però ricordare che non esiste ad oggi nessun intervento ministeriale sulla questione alla luce della non monetizzazione delle ferie per il personale assunto a tempo determinato.

Infatti, dal momento che ai sensi dell’art. 59 l’accettazione dell’incarico di cui al quesito comporta l’applicazione della relativa disciplina prevista dal CCNL per il personale assunto a tempo determinato, fatti salvi i diritti sindacali, viene da pensare che fino al 30/6 a tale personale devono essere sottratti i giorni di sospensione delle lezioni dal monte ferie spettanti, dopodiché i giorni di ferie maturati e non goduti che dovessero restare, andranno fruiti al rientro nella scuola di titolarità come indicazione dell’ATP di Torino e dell’ARAN.

Si consiglia in ogni caso di interpellare l’ATP/USR di competenza.

Posted on by nella categoria Ferie
Versione stampabile
ads ads