Indennità di maternità fuori nomina. Chiarimenti per la docente che ha terminato il contratto.

Angela – ho lavorato dal 9/10/2013 al 30/06 con contratto di lavoro a tempo determinato in qualità di docente supplente per un posto di sostegno per 12 h settimanali. Nel precedente anno scolastico ho prestato servizio presso altre scuole con le medesime modalità. Ho scoperto di essere incinta solo oggi. Ho diritto a far richiesta all’indennità di maternità? Se si, qual è l’iter da seguire? In caso di nomina, a settembre, come mi dovrò comportare se dovessi accettare un incarico? Grazie per la vostra cortese risposta.

Paolo Pizzo – Gentilissima Angela ,

1

Le lavoratrici gestanti le quali si trovino, all’inizio del periodo di congedo per maternità, sospese, assenti dal lavoro senza retribuzione ovvero disoccupate, sono ammesse al godimento dell’indennità giornaliera di maternità, purché tra l’inizio della sospensione, assenza o disoccupazione e quello di detto periodo non siano decorsi più di 60 giorni.

Lo stesso beneficio è previsto in favore della lavoratrice che non è in godimento dell’indennità di disoccupazione perché non assicurata contro tale evento, purché all’inizio del congedo per maternità non siano decorsi più di 180 giorni dalla risoluzione del rapporto di lavoro e purché nell’ultimo biennio risultino versati contributi settimanali per l’assicurazione di maternità.

Non hai specificato a quale mese di gravidanza sei né se potresti rientrare o meno nella seconda opzione sopra indicata.

Pertanto, a mio avviso, potresti avere diritto all’indennità fuori nomina all’80% solo se hai minacce di aborto o comunque se rientri nell’interdizione per gravi complicanze della gestazione entro 60 gg. dall’ 1/7.

In questo caso è questo l’iter.

A settembre, ma solo sei impossibilità ad assumere servizio per interdizione per gravi complicanze (non sei infatti ancora in congedo di maternità obbligatorio), potrai accettare un’eventuale nomina senza obbligo di assumere servizio.

In questi casi il rapporto di lavoro si perfeziona  con la semplice accettazione della nomina, senza obbligo da parte del personale in congedo di maternità o in interdizione di assumere servizio (la docente non dovrà recarsi fisicamente a scuola).

Vedrai valutato tutto il periodo di astensione dal lavoro sia ai fini giuridici che ai fini economici nei termini della durata del rapporto di lavoro e al trattamento economico intero per tutta la durata del rapporto di lavoro.

Posted on by nella categoria Maternità e Paternità
Versione stampabile
ads ads