Passaggio di ruolo da sostegno a sostegno e vincolo quinquennale

Elena – Gentili esperti di Orizzonte Scuola, mia cugina titolare di ruolo su posto di Sostegno (secondaria di 2 grado). Avendo la specializzazione di Sostegno anche per la secondaria di 1 grado,  sarebbe interessata a chiedere un passaggio di ruolo sul Sostegno relativo alla secondaria di grado. In riferimento al vincolo quinquennale su Sostegno, lei svolto due anni di ruolo sul Sostegno. In teoria le mancherebbero 3 anni per soddisfare il vincolo quinquennale. 1) Domanda: in virtù del vincolo quinquennale, se lei ottenesse questo passaggio di ruolo, le basterebbero solo 3 anni di permanenza sul Sostegno prima di chiedere un passaggio di ruolo su posti di tipo comune / su classi di concorso oppure, al contrario, il passaggio da Sostegno 2 grado a Sostegno 1 grado (o viceversa) azzera il conteggio facendo quindi ripartire, da capo, il vincolo quinquennale di permanenza su Sostegno? 2) Precisazione: il vincolo quinquennale di permanenza su Sostegno vale anche per un docente di ruolo titolare su posto comune / su CdC che, in possesso della specifica Specializzazione di Sostegno, chiede il passaggio (di  cattedra o di ruolo) da posto comune a Sostegno?

Paolo Pizzo – Gentilissima Elena,

l’art. 26/7 del CCNI mobilità è chiaro sulla questione affermando che i docenti titolari su posto di sostegno, pur se soggetti al vincolo quinquennale, possono partecipare alle operazioni di mobilità per passaggio di ruolo su posti di sostegno di ordine e grado diversi. I DOCENTI CHE OTTENGONO IL PASSAGGIO DI RUOLO SU POSTI DI SOSTEGNO HANNO L’OBBLIGO DI PERMANERVI PER UN QUINQUENNIO. Ovviamente, i docenti di sostegno che non abbiano terminato il quinquennio di permanenza non possono chiedere di partecipare ai passaggi di ruolo su posti di tipo comune e su classi di concorso, fino al compimento del quinquennio.

Pertanto, tua cugina potrà, avendone titolo, chiedere il passaggio di ruolo sul sostegno anche se non ha terminato il quinquennio con la consapevolezza che tale quinquennio ricomincerà nel nuovo ruolo.

In via generale si precisa che il trasferimento ai posti di tipo speciale, ad indirizzo didattico differenziato e di sostegno comporta la permanenza per almeno un quinquennio a far data dalla decorrenza del trasferimento su tali tipologie di posti. Tale obbligo non si applica nei confronti dei docenti trasferiti a domanda condizionata in quanto soprannumerari da posto comune o cattedra a posto di sostegno o DOS nella scuola secondaria di secondo grado.

Pertanto tale personale conserva titolo alle precedenze di cui all’art. 7 punti II) e IV) del presente contratto. Per i docenti provenienti dai ruoli delle scuole speciali il servizio prestato nelle predette scuole è considerato utile ai fini del compimento del quinquennio su posto di sostegno, e viceversa.

Posted on by nella categoria Mobilità
Versione stampabile
ads ads