Graduatorie di istituto consulenza scuole: valutazione laurea – diplomi e altre abilitazioni

Scuola  – Gentile redazione, grazie anticipatamente per il prezioso contributo che fornite a noi operatori della scuola. Per la valutazione delle domande di nuovo inserimento nella II fascia di istituto si chiede un riscontro sulla valutazione (da parte nostra negativa) di “altri titoli” e servizi dichiarati da docenti con diploma magistrale conseguito entro l’a.s. 2001/02: – Laurea triennale in lettere moderne; – Diploma di fagotto; – Diploma accademico di scienze religiose; – Laurea specialistica in Organizzazione e relazioni sociali; – Valutazione nella graduatoria di scuola primaria dell’abilitazione  conseguita con concorso nella scuola materna. Riconoscimento come servizio non specifico svolto dall’a.s. 2004/05 a tutt’oggi come insegnante di religione cattolica nella scuola dell’infanzia e primaria. In attesa di una vostra risposta, porgiamo cordiali saluti.

Paolo Pizzo – Gentile scuola,

1

Si valutano solo le lauree almeno quadriennali, salvo per le graduatorie relative agli insegnamenti delle scuole secondarie, alle quali si accede con diploma di scuola secondaria. I diplomi di I livello dei Conservatori di musica e delle Accademie di Belle Arti, in quanto equiparati alle lauree triennali, non sono valutabili.

Analogamente, il diploma ISEF, equiparato alla laurea triennale in Scienze delle attività motorie e sportive, non è valutabile.

Si valutano anche i titoli rilasciati nei Paesi dell’U.E., debitamente tradotti e corredati della “dichiarazione di valore in loco” dell’Autorità diplomatica, che ne attesti validità e durata.

L’abilitazione va invece inserita in D2 e D3 e valutata punti 3 (Per ogni abilitazione o idoneità all’insegnamento posseduta, in aggiunta al titolo valutato quale titolo di accesso ai sensi del punto A1…).

2

Il servizio di religione cattolica non è valutabile in nessun modo.

Posted on by nella categoria Graduatorie di Istituto (docenti precari)
Versione stampabile
ads ads