Assegnazione in altro ordine di scuola e titolarità. Chiarimenti

Anna – sono un’insegnante di scuola primaria che ha chiesto e non ottenuto il passaggio di ruolo alla secondaria di II grado. Domanda: se facessi la richiesta di assegnazione provvisoria sempre per la secondaria di II grado e dovessi ottenerla, per l’anno successivo come dovrei comportarmi per avere una cattedra definitiva? Sarei a tutti gli effetti considerata docente delle superiori e quindi potrei fare richiesta di trasferimento rientrando nella prima fase? O dovrei ritentare il passaggio di ruolo? Altra domanda: richiedendo l’assegnazione provvisoria, nel caso ci fossero “spezzoni”  di cattedra su più istituti al di fuori delle sedi da me richieste, mi verrebbero comunque assegnate? Grazie.

Paolo Pizzo – Gentilissima Anna,

l’assegnazione provvisoria è un provvedimento appunto “provvisorio” e della durata di un solo anno scolastico. Dopodiché si “rientra” nella attuale scuola di titolarità.

Può essere chiesta anche per altro ordine di scuola avendone i requisiti (aver superato l’anno di prova nel proprio ruolo di appartenenza ed essere in possesso dell’abilitazione per il ruolo richiesto).

Detto questo si precisa quanto segue:

l’assegnazione per altro ordine di scuola è solo in subordine rispetto a quella nel ruolo di appartenenza.

nel caso la dovessi ottenere per la scuola secondaria il tuo ruolo di appartenenza e quindi la tua titolarità non cambia, pertanto tale anno trascorso in assegnazione nella secondaria lo dovrai comunque considerare a pieno titolo come anno di servizio nel tuo ruolo di appartenenza nel quale rientrerai necessariamente al 1/9/2015.

Lo speciale di OS

Posted on by nella categoria Assegnazioni/Utilizzazioni
Versione stampabile
ads ads