Raggiungimento dei requisiti per la pensione di vecchiaia (legata all’età)

Carmela – Sono un’insegnante di scuola media .Premetto che,pur avendo 61 ho,a tutt’oggi,21  anni e mesi di contribuzione,perchè ho iniziato tardi ad insegnare. Quando potrò andare in pensione,seppure con i contributi minimi previsti dalla legge?Vi ringrazio di un’eventuale risposta.

FP -Gentile Carmela,

la prima possibilità di “uscita” che ha,  è rappresentata dal raggiungimento  dei requisiti per la pensione di vecchiaia (legata all’età) prevista dalla  cosiddetta riforma Fornero ovvero L. 214/2011. La suddetta normativa  individua i requisiti per la pensione di vecchiaia e  quelli per la pensione anticipata.

I requisiti per la pensione di vecchiaia, tenendo in considerazione l’età, sono:

1) 01/01/2013 al 31/12/2015 66 anni e 3 mesi

2) 01/01/2016 al 31/12/2018 66 anni e 7 mesi (dal 2016 sono dati di stima)

3) 01/01/2019 al 31/12/2020 66 anni e 11 mesi

Visto che  mi indica solo l’età ma non la data di nascita, le premetto che l’  analisi del suo caso  è stata fatta ipotizzando la nascita nel mese di luglio  del 1953.

Considerato che raggiunge i 67 anni nel luglio del 2020,  maturerà il diritto  alla pensione per vecchiaia dal 1/09/2020, quando il requisito previsto è di 66 anni e 11 mesi.

Le segnalo, per completezza di informazione:

1) quanto disciplinato dalla L. 243/2004, specificando che lei  non rientra  nella casistica, per via dell’anzianità contributiva.

L’ art. 1 comma 9 recita:

“In via sperimentale, fino al 31 dicembre 2015, è confermata la possibilità di  conseguire il diritto all’accesso al trattamento pensionistico di anzianità, in  presenza di un’anzianità contributiva pari o superiore a trentacinque anni e di  un’età pari o superiore a 57 anni per le lavoratrici dipendenti e a 58 anni per  le lavoratrici autonome, nei confronti delle lavoratrici che optano per una  liquidazione del trattamento medesimo secondo le regole di calcolo del sistema  contributivo previste dal decreto legislativo 30 aprile 1997, n. 180.” (i 57  anni previsti sono aumentati di 3 mesi);

2) la pensione di inabilità disciplinata dalla L. 335/1995.

Per ottenere il relativo riconoscimento occorrono i seguenti requisiti:

– riconoscimento di inidoneità assoluta a qualsiasi servizio da parte della  Commissione Medica;

– anzianità contributiva di almeno 5 anni, di cui almeno 3 nel quinquennio  precedente la decorrenza della pensione di inabilità;

– risoluzione del rapporto di lavoro per cause non di servizio.

Posted on by nella categoria Pensioni
Versione stampabile
ads ads