Nota Miur n. 2507 del 28/7/2014 e collocamento a risposo

Dirigente Scolastico – Alla luce della Circolare Miur n.2507 del 28/07/2014 relativa al trattenimento in servizio del personale in seguito all’approvazione del D.L. 90/2014 si chiedono chiarimenti urgenti in merito alla situazione del collaboratore scolastico X nata il 20/04/1949 che lo scorso anno presentò domanda di quiescenza respinta dall’USR per mancanza di requisiti contributivi (14 anni) e che , per lo stesso motivo, nel gennaio scorso non ha presentato non ha presentato domanda di pensione. Alla luce del D.L.90/2014 si chiede all’Ufficio Pensioni se si debba procedere al collocamento a riposo della suddetta collaboratrice che ha compiuto 65 anni lo scorso aprile.

FP – Gentile Dirigente,

I punti salienti  della nota Miur n. 2507 del 28/7/2014 sono:

1) a seguito dell’entrata in vigore del DL. 90/2014, è fatto divieto di disporre di trattenimenti in servizio a beneficio del personale che abbia raggiunto i limiti di età per il collocamento a riposo;
2) i trattenimenti in servizio disposti a partire dall’a.s. 2014/2015, non essendo ancora efficaci alla data di entrata in vigore del decreto, sono revocati ex legge;
3) i trattenimenti in servizio eventualmente già disposti, esplicando i loro effetti con riferimento alla durata di ciascun anno scolastico, cessano la loro efficacia con il 31 agosto 2014, avuto riguardo alla particolarità del sistema scolastico nel quale i collocamenti a riposo hanno sempre effetto dal 1 settembre di ciascun anno.

A mio avviso, la collega non rientra nella casistica di cui sopra.

Inoltre, se non gli è stato notificato (in quest’anno a.s.) il pensionamento d’ufficio, perchè non ricorreva l’anzianità contributiva minima prevista ovvero:
15 anni se ha contributi prima del 31/12/1992 oppure 20 anni.

Posted on by nella categoria Pensioni
Versione stampabile
ads ads