TFA 2014 secondo ciclo: accede alla prova scritta chi ha superato il test con 21/30

Carla – Vi chiedo cortesemente di volermi aiutare in quanto sono la quart’ultima tra i primi non ammessi al secondo step del TFa per Storia dell’arte (061).

Il mio punteggio è 20.50 con una sola risposta in piu corretta l’avrei superato. E’ possibile che io venga "ripescata"? Come fare per saperlo? Vi ringrazio molto per la vostra
attenzione

Lalla – gent.ma Carla, non capiamo a quale normativa tu faccia riferimento.

Il dm del 16 maggio 2014 e poi il dm del 20 giugno 2014 (oltre al dm n. 249/10) non lasciano dubbi sul requisito per accedere alla prova scritta del TFA: superare il test con un punteggio minimo di 21/30.

Non esiste un numero minimo o massimo di candidati che devono accedere alla prova scritta: se tutti avessero superato il test, l’Università avrebbe organizzato una prova scritta per tutti i candidati, se nessuno lo avesse superato, la selezione in quella regione, per quella classe di concorso, si sarebbe chiusa lì.

Non esiste normativa che parli di "ripescaggi", a meno che il Ministero non ammettesse altri errori per questa classe di concorso (la commissione di esperti ha già ravvisato che la domanda 52 potevano essere considerate corrette sia la risposta A sia la risposta B) e questa o queste risposte fossero tra quelle che tu non hai superato.

Altra eventualità che potrebbe farti rientrare tra gli ammessi alla prova scritta sarebbe quella di un apposito ricorso. Non ci risultano infatti altre modalità di "ripescaggio".

I "ripescaggi" semmai avvengono quando, a graduatorie stilate (con i nominativi di tutti coloro che hanno superato le tre prove) qualche candidato che è collocato nel numero dei posti banditi decide di non iscriversi (magari ha vinto più classi di concorso e deve sceglierne una), per cui si può scorrere la graduatoria fino al raggiungimento dei posti a concorso. Ma non siamo ancora a questo stadio.

Posted on by nella categoria Diventare insegnanti
Versione stampabile
ads ads