Supplenze: i casi in cui è possibile lasciare una supplenza breve

Manuela – Nessuno (segreterie e sindacati) sa o vuole rispondermi alla seguente domanda: e’ possibile lasciare una supplenza breve per una fino all’avente diritto? Nel caso specifico: sono abilitata per la classe di concorso A60, non avendo al momento ancora ricevuto incarichi, sto valutando di accettare una supplenza breve (5gg) sulla A060 da chiamata di una scuola da 1 fascia grad istituto. Al momento com’è noto non sono ancora disponibili le grad istituto definitive nelle quali io compaio anche in 3 fascia per classi di concorso di cui non ho l’abilitazione, ma sulle quali ho sempre lavorato….mi chiedevo se accettando una supplenza breve, eventualmente prorogabile, non mi precludo la possibilità di accettare altri incarichi più lunghi! Dovrei eventualmente accettare domani, le sarei molto grata se mi fornisse questo chiarimento. Grazie infinite.

Paolo Pizzo – Gentilissima Manuela,

di seguito ti indico cosa si può fare e cosa no.

  • È facoltà del supplente in servizio a titolo provvisorio, nominato in base alle precedenti graduatorie, lasciare la supplenza in atto per accettarne altra di qualsiasi tipologia (quindi anche supplenza “breve”) propostagli sulla base delle nuove graduatorie di circolo e di istituto (definitive).

Per le supplenze conferite sia su posti di sostegno che su posti di insegnamento comune, quando al medesimo docente e sul medesimo posto sia attribuita prima una supplenza temporanea in attesa dell’avente titolo e poi una supplenza annuale (31/8) o temporanea sino al termine delle attività didattiche (30/6), l’intero periodo assume il regime giuridico del provvedimento attribuito a titolo definitivo.

  • È consentito lasciare una supplenza temporanea per accettare una supplenza sino alla nomina dell’avente titolo, esclusivamente per disponibilità relative a posti di sostegno (non è questo il tuo caso quindi non sarebbe possibile perché posto comune).

Ciò può avvenire anche se il docente non ha la specializzazione per il sostegno.

Lo scopo è infatti quello di coprire prioritariamente i posti di sostegno, in modo da tutelare il più possibile il diritto allo studio e all’integrazione scolastica dei soggetti in disabilità.

  • Non è possibile, IN NESSUN CASO E PER NESSUNA TIPOLOGIA DI SUPPLENZA, lasciare un incarico conferito “fino ad avente titolo” per un altro sempre “fino ad avente titolo” (se è questo il tuo caso non sarebbe quindi possibile).
  • Il personale che non sia già in servizio per supplenze di durata sino al termine delle lezioni od oltre ha facoltà, nel periodo dell’anno scolastico che va fino al 30 di aprile, di risolvere anticipatamente il proprio rapporto di lavoro per accettarne un altro di durata sino al termine delle lezioni od oltre.
  • Il personale in servizio per supplenza conferita sulla base delle graduatorie di istituto ha comunque facoltà di lasciare tale supplenza per accettarne altra attribuita sulla base delle graduatorie ad esaurimento.
Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads