Immissioni in ruolo: perchè alcuni vengono assunti dopo pochi anni e altri dopo 25?

Angelica – Salve Egr., chiedo scusa per il disturbo, potreste gentilmente togliermi una curiosità? Si legge sempre in giro e si vede nei tg e nelle trasmissioni tv, il calvario della precarietà di migliaia di insegnanti che anche dopo 10 anni ancora sono nel limbo;

mi è però capitato di conoscere una ragazza di 28 anni che si è laureata in Calabria, ha fatto 3 anni di precariato in Lombardia e quest’anno è già passata di ruolo come maestra elementare.

Scusate, come mai c’è chi arriva precario anche a 40 anni e oltre e chi invece viene stabilizzato a tempo indeterminato quasi subito?Si tratta forse di essere più bravi/brave e preparati/e?

Lalla – gent.ma Angelica, nell’attuale sistema delle graduatorie da cui gli insegnanti vengono assunti a tempo indeterminato, la preparazione individuale c’entra solo in parte. E’ chiaro che chi consegue il titolo con voto alto e in base alla tabella di valutazione ha più punteggio, si trova in una posizione più favorevole.

Ma, a parte queste ovvie considerazioni, bisogna fare delle precisazioni doverose.

La classe di concorso. Confronta il numero delle scuole primarie con il numero di classi in cui si insegna, ad es. la disciplina Diritto ed economia (l’esempio è a caso, ma fino ad un certo punto).

Quello che voglio dirti è che ci sono classi di concorso (discipline) in cui c’è un precariato molto più consistente rispetto ad altre.

Segui su Facebook le news della scuola e partecipa alle conversazioni. Siamo in 137mila

Inoltre, è da considerare che la persona che tu conosci ha ottenuto l’incarico a tempo indeterminato non nella regione in cui ha conseguito il titolo, e che probabilmente è anche quella di sua residenza, ma in una provincia del Nord.

I tempi di ingresso in ruolo al Sud, infatti, sono più lunghi. E ne ha piena consapevolezza il Ministro Giannini: Graduatorie esaurimento. Giannini “Punteggi più alti al Sud perché più difficile entrare in ruolo”. A settembre sorprese per le supplenze

E’ evidente che le immissioni in ruolo non avvengono in tutte le Regioni allo stesso modo ma in modo inversamente proporzionale alla dispersione scolastica ; sono maggiori al Nord rispetto al Sud del Paese.

Questo uno dei motivi che ha visto tanti precari del Sud emigrare al Nord in cerca di lavoro visto che il prossimo anno molti non avebbero avuto più possibilità di svolgere supplenze nelle regioni meridionali grazie alle perequazioni con il Nord . (Immissioni in ruolo inversamente proporzionali alla dispersione scolastica )

I numeri totali per l’a.s. 2014/15 Immissioni in ruolo. 45.59% al Nord, 9.49 alle isole. A Torino mancano prof di matematica

Sulle singole classi di concorso ci sono specifici studi, per cui ad es. alle scuole medie Immissioni in ruolo. Alle scuole medie più posti in Italiano e Matematica. Spagnolo batte Inglese e Francese

Come vedi, la situazione è molto complessa, e difficilmente racchiudibile solo nell’esperienza della collega che hai conosciuto tu, anche se – come detto – anch’essa fa parte di un determinato iter (quello della migrazione).

Posted on by nella categoria Immissioni in ruolo
Versione stampabile
ads ads