La misura della sua pensione sarà determinata con il sistema retributivo fino al 31/12/2011 e dal 1/9/2012 con il sistema contributivo

Maria – Buongiorno, sono un’insegnante di scuola dell’infanzia con 39 anni di contributi a fine ottobre 2014 e 62 anni di età, chiedo gentilmente: 1) quando potrò andare in pensione 2) se volessi fare il part-time lavorando 15 ore settimanali, quando andrò in pensione cosa perderò? In attesa di riscontro, cordiali saluti.
FP – Gentile Maria,

considerati i nuovi requisiti per la pensione di vecchiaia e quelli per la
pensione anticipata, previsti dalla riforma pensionistica cosiddetta “Fornero”,
la sua prima possibilità di “uscita” è rappresentata dal raggiungimento dei
requisiti per la quiescenza anticipata.

Di seguito si indicano i requisiti per la pensione anticipata per i prossimi
anni, per le donne:

– 2014/2015 41 anni e 6 mesi

– 2016/2018 41 anni e 10 mesi

Pertanto, partendo dall’anzianità contributiva posseduta al 30/10/2014 di 39
anni, raggiunge al 31/08/2017 un’anzianità contributiva di 41 anni e 10 mesi,
che le permette di andare in pensione con decorrenza 1/9/2017.

A riguardo si precisa che: i requisiti dal 2016 sono frutto di studi
statistici e pertanto potrebbero subire delle variazioni.

La misura della sua pensione sarà determinata con il sistema retributivo fino
al 31/12/2011 e dal 1/9/2012 con il sistema contributivo.
Pertanto, oggettivamente, in caso di part time, la sua pensione sarà
“alimentata” da meno contributi.

 

Posted on by nella categoria Pensioni
Versione stampabile
ads ads