Anno di prova per la docente in maternità. Chiarimenti.

Paola – Sono entrata di ruolo dal 1 settembre di questo anno. Sono incinta (inizio terzo mese). salute permettendo, vorrei sostenere l’ anno di prova quest’ anno. la data presunta del parto è il nove maggio 2015. se tutto va bene andrei a scuola fino ad inizio febbraio, poi la ginecologa vorrebbe mettermi in astensione ( viaggio in pulmann e la sede non è vicina) e poi inizierei il congedo obbligatorio due mesi prima. 1) è valido quel mese di astensione nel conteggio dei 180 giorni? 2) se sono in astensione o congedo devo seguire i corsi di formazione o ho l’ esonero.  Li devo frequentare l’ anno prossimo? 3) posso discutere la relazione finale anche se sono in congedo obbligatorio? Grazie mille.

Paolo Pizzo – Gentilissima Paola,

Il primo mese di congedo obbligatorio per maternità è considerato come servizio effettivo al fine del computo dei 180 giorni necessari per il superamento del periodo di prova.

L’ art. 31 R. D. n. 1542/1937, le circolari Miur n. 54/1972, n. 2/1973, n. 219/1975, n. 1 80/1979 affermano che ai fini del compimento dei 180 giorni è utile solo il primo mese di congedo per maternità relativo all’anno scolastico al quale si riferisce il periodo di prova.

Inoltre la docente in congedo di maternità presentarsi al comitato di valutazione per la discussione della relazione connessa all’anno di prova.  

La condizione perché ciò possa avvenire è, come per tutti i docenti, il compimento dei 180 giorni di servizio effettivo nell’anno scolastico.

L‘ex MPI con  telex n. 357/1984 disponeva: “La lavoratrice madre in congedo di maternità che abbia compiuto i 180 giorni di servizio nell’anno scolastico, può sostenere la discussione della relazione finale col Comitato per la valutazione del servizio anche in periodo di congedo di maternità, previa autorizzazione del suo medico di fiducia, al fine di veder definito il superamento dell’anno di formazione con la relazione del Capo d’istituto”.

In ultimo, la circolare Ministeriale n. 267/1991 prevede per la docente in maternità:

  • La docente che abbia raggiunto i 180 giorni ma che a causa della gravidanza (congedo di maternità/interdizione) è impossibilitata a seguire i corsi di formazione, può essere esonerata in tutto o in parte all’attività in parola e avere comunque l’opportunità di discutere la relazione finale con il Comitato di valutazione.

Dovrà essere presentata al coordinatore del corso idonea documentazione medica che attesti il proprio status.

  • La docente che abbia frequentato regolarmente le attività seminariali ma che a causa della gravidanza non ha compiuto i 180 giorni di servizio minimo richiesto, nell’anno scolastico successivo (anno in cui avrà prorogato il periodo di prova) non dovrà ripetere le attività seminariali.
  • La docente che abbia frequentato regolarmente le attività seminariali e compiuto i 180 giorni di servizio minimo richiesto ma che sia legittimamente impedita solo al momento della discussione della relazione finale, rinvierà quest’ultima all’anno successivo senza dover ripetere l’anno di prova (180 giorni) e le attività seminariali.
Posted on by nella categoria Maternità e Paternità, Anno di prova neo immessi in ruolo
Versione stampabile
ads ads