Può un docente di scuola secondaria con 12 ore accettare una supplenza di 10 ore? Chiarimenti per la scuola.

Scuola – Può un docente che ha già 12 ore fino all’avente diritto accettare altre 10  ore fino all’avente diritto e costituire così 4 ore eccedenti? La segreteria.

Paolo Pizzo – Gentile scuola,

la risposta è negativa.

L’art. 4 del DM 131/07 (Regolamento delle supplenze) dispone che il completamento orario può essere effettuato esclusivamente nell’ambito di una sola provincia, fino al raggiungimento dell’orario obbligatorio di insegnamento previsto per il corrispondente personale di ruolo. Orario che per la scuola secondaria è di 18 ore.

Pertanto, il supplente con 12 ore può accettare una supplenza fino al completamento dell’orario obbligatorio ovvero può accettare altre 6 ore.

Non bisogna infatti confondere le supplenze di cui al quesito con gli spezzoni pari o inferiori alle 6 ore restituiti ai dirigenti scolastici che costituiscono le cosiddette “ore eccedenti”. Solo per queste, infatti, il docente già in servizio nella scuola (cosa che comunque non può avvenire per chi è fino ad “avente diritto”) può arrivare fino alle 24 ore di servizio.

Ricordiamo infatti che ai sensi dell’art.1, comma 4, del Regolamento citato le ore di insegnamento, pari o inferiori a 6 ore settimanali, che non concorrono a costituire cattedre o posti orario non fanno parte del piano di disponibilità provinciale da ricoprire in base allo scorrimento delle graduatorie ad esaurimento, ma restano nella competenza dell’istituzione scolastica ove si verifica la disponibilità di tali spezzoni di insegnamento.

La predetta istituzione scolastica provvede alla copertura delle ore di insegnamento in questione secondo le disposizioni di cui al comma 4 dell’art.22 della Legge Finanziaria 28 dicembre 2001, n.448, attribuendole, col loro consenso, ai docenti in servizio nella scuola medesima, forniti di specifica abilitazione per l’insegnamento di cui trattasi, prioritariamente al personale con contratto a tempo determinato avente titolo al completamento di orario e, successivamente al personale con contratto ad orario completo – prima al personale con contratto a tempo indeterminato, poi al personale con contratto a tempo determinato – fino al limite di 24 ore settimanali come ore aggiuntive oltre l’orario d’obbligo. Solo in subordine a tali attribuzioni, nei casi in cui rimangano ore che non sia stato possibile assegnare al personale in servizio nella scuola, i dirigenti scolastici provvederanno all’assunzione di nuovi supplenti utilizzando le graduatorie di istituto.

Non è il caso in questione.

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads