E’ possibile sospendere un periodo di aspettativa perché incinta?

Monia – innanzitutto ringrazio per il prezioso servizio che offrite. Sono una  docente di ruolo nella scuola superiore dal 2000.Quest’anno ho chiesto un anno di aspettativa dal 1settembre 2014 al 31 agosto 2015 per poter seguire le mie 3 figlie ancora piccole. Ora sono nuovamente incinta. E’ possibile sospende in qualche modo l’anno di aspettativa per poter godere dei diritti della gravidanza? Ringrazio di cuore .

Paolo Pizzo – Gentilissima Maria,

a mio parere è possibile.

L’ARAN afferma negli Orientamenti Applicativi SCU39 e SCU25 per il comparto Scuola che l’aspettativa non può essere interrotta se non per causa di malattia per l’ipotesi di gravi patologie che determinano lunghi periodi di assenza:

L’aspettativa per motivi di famiglia o personali, prevista dall’art. 18, comma 1 del CCNL del 29.11.2007 del comparto scuola, continua ad essere regolata dagli artt. 69 e 70 del D.P.R. n. 3/57, i quali nulla dispongono sulla interruzione di tale aspettativa ma solo sulla revoca della stessa ad opera del dirigente scolastico per ragioni di servizio.

[…]

L’interruzione si deve però ritenere possibile, se per causa di malattia per l’ipotesi di gravi patologie che determinano lunghi periodi di assenza, atteso che tale situazione genera impossibilità di assolvere a doveri lavorativi e a svolgere prestazioni specifiche non giustificabile con l’aspettativa per motivi di famiglia.”

Si ricorda altresì che anche il congedo parentale o le ferie si possono interrompere per malattia.

Ciò a mio parere sta a significare che quando durante il periodo di aspettativa sopraggiunge una causa, come quella della maternità, che genera impossibilità di assolvere a doveri lavorativi e a svolgere prestazioni specifiche non giustificabile con l’aspettativa per motivi di famiglia, quest’ultima possa essere interrotta.

Pertanto, nel momento in cui vengono meno le condizioni che ne hanno costituito il presupposto, e dal momento che la condizione della maternità è una condizione “obbligata”, si ritiene che il dirigente debba accogliere la tua richiesta di “rientro in servizio” ripristinando a tutti gli effetti la tua situazione di docente in base alle norme sulla tutela della maternità.

Posted on by nella categoria Maternità e Paternità, Permessi e aspettative
Versione stampabile
ads ads