Personale ATA: Disposizione di servizio per Assistente Tecnico

Massimiliano – Al signor Giovanni Calandrino. Buonasera: il sottoscritto Massimiliano impiegato ATA come Assistente Tecnico AR20 laboratorio di cucina e sala-bar chiede delucidazioni alla disposizione di servizio.

Ultimamente, i miei datori di lavoro "Ds e Dsga" mi hanno dato per iscritto i seguenti obblighi lavorativi:

Oggetto: Disposizione di servizio.
Si dispone che S. V. provveda, a decorrere dal 25/10/2014, a verificare e trascrivere le scorte di magazzino, e nei giorni a seguire, considerato l’inizio delle esercitazioni pratiche in data 27/10/2014 si occuperà di verificare la regolarità della fornitura delle derrate alimentari e di certificarle su apposito modulo che Le verrà fornito.
Si occuperà altresì, della gestione del magazzino del settore alberghiero.

Avrei bisogno del vostro cortese Aiuto per capire se quello che mi è stato chiesto di fare entra nei termini dello svolgimento del mio lavoro, o meno.

Il sottoscritto ha già comunicato il suo dissenso verbalmente, spiegando che fin ora queste mansioni non gli sono mai stati chiesti durante i 13 anni di esperienza lavorativa come Assistente Tecnico in più di un istituto alberghiero.

Purtroppo quando il sottoscritto ha espresso il suo parere, aggiungendo che queste mansioni sono doveri amministrativi gli è stato detto bruscamente e in modo abbastanza arrogante "che non gli mai stato chiesto il suo parere".

Nell’attesa di una vostra cortese risposta vi auguro un buon lavoro e i miei cordiali saluti e ringraziamenti anticipatamente.

di Giovanni Calandrino – Gentile Massimiliano, in tale prospettiva il lavoro dell’assistente tecnico, ai fini dell’efficienza e della funzionalità dei laboratori è fondamentale.

Il profilo professionale dell’assistente tecnico prevede l’assistenza tecnica alle esercitazioni didattiche per almeno 24 ore settimanali in compresenza del docente e per le restanti 12 ore è prevista la manutenzione e riparazione delle attrezzature tecnico – scientifiche dei laboratori cui è addetto e la preparazione del materiale per le esercitazioni.

Inoltre la cura e l’organizzazione tecnica dei laboratori sono affidate agli assistenti tecnici secondo le direttive definite dal docente responsabile del laboratorio e gli indirizzi attuativi stabiliti dai regolamenti d’Istituto in materia di organizzazione.

Ruolo fondamentale dell’assistente tecnico è “la gestione del magazzino” con il relativo giornale di magazzino e lo schedario. I beni ed i materiali acquistati dalle istituzioni scolastiche devono essere sistemate in un locale opportunamente predisposto ed organizzato in modo da trarre il maggior utilizzo degli spazi disponibili, favorire le operazioni di carico e scarico dei diversi prodotti, il loro riscontro e la verifica periodica delle consistenze e delle scorte del magazzino.

L’addetto al magazzino cura la registrazione delle entrate e delle uscite di merce, risponde delle giacenze presenti e della custodia del materiale. Al momento della consegna della merce egli verifica la quantità e la qualità delle merci ricevute, riscontrando la copia dell’ordine di acquisto del materiale con la bolla di consegna della ditta e riservandosi il benestare di accettazione delle merci nei confronti del fornitore nei termini previsti dalla legge.

Pertanto, gentile Massimiliano, a parere dello scrivente la disposizione di servizio è legittima.

Posted on by nella categoria Ata
Versione stampabile
ads ads