Supplenze ATA: titolare in congedo fino al 30/6 e convocazione supplente. Chiarimenti per la scuola

Scuola – Un collaboratore scolastico a Tempo Indeterminato ha chiesto un congedo biennale ai sensi dell’art. 42 del Dlgs 151/2001 per la madre a dal 15 dicembre  2014 al 30 giugno 2015. Si chiede con quale tipologia si deve nominare il supplente. Nel caso in cui la mamma del dipendente dovesse  essere ricoverata a tempo pieno in una struttura o dovesse morire  e il titolare dovesse rientrare , il contratto del supplente decade?

Paolo Pizzo – Gentile scuola,

il Dm 430/2000 prevede:

Ai sensi dell’articolo 4, commi 1, 2, 3 e 11 della legge 3 maggio 1999, n. 124, di seguito denominata “legge”, nei casi in cui non sia stato possibile assegnare sulle disponibilità di posti di personale amministrativo, tecnico e ausiliario, personale soprannumerario in utilizzazione o, a qualsiasi titolo, personale con contratto a tempo indeterminato, si dispone con:

b) supplenze temporanee sino al termine delle attività didattiche, per la copertura di posti non vacanti, di fatto disponibili entro la data del 31 dicembre e fino al termine dell’anno scolastico;

Per l’attribuzione delle supplenze annuali e delle supplenze temporanee fino al termine delle attività didattiche, si utilizzano le graduatorie di cui all’articolo 2 (le graduatorie permanenti).

Pertanto, constatata la disponibilità del posto fino al 30/6 bisognerà restituirlo all’ATP di competenza il quale lo dovrà assegnare scorrendo le graduatorie permanenti.

Per il secondo quesito non è possibile, neanche per i motivi elencati nel quesito, licenziare il supplente per rientro anticipato del titolare.

Invitiamo a leggere questo articolo che a sua volta rimanda a quello che abbiamo sempre sostenuto.

Posted on by nella categoria Supplenze, Ata
Versione stampabile
ads ads