Supplenze Roma: impossibilitata a lasciare supplenza al 30 giugno per accettare 31 agosto

Beatrice – lunedì 3 novembre, in mattinata, mi convoca la scuola A per supplenza fino al 30/06 e accetto; martedì 4 novembre vado a scuola, firmo sul registro di classe ma non firmo nè presa di servizio nè contratto (probabilmente perchè la segreteria era molto indaffarata);

martedì 4 novembre, nel pomeriggio, la scuola B convoca tramite PEC per incarico fino al 31/08 con presa di servizo giovedi 6 novembre; mercoledì 5, in mattinata, la scuola B mi telefona per comunicarmi che
l’incarico spetta a me, dico che da ieri sono in servizio presso un’altra scuola fino al 30/06 ma accetto incarico fino al 31/08; giovedì 6 scuole chiuse; venerdì 7, oggi, chiamo la scuola B e mi dice che ha già assegnato l’incarico fino al 31/08 (ovviamente a docente con meno punteggio di me) in quanto io ho comunicato loro di essere in servizio fino al 30/06.

Questa mattina, la DS della scuola A, comprendendo la mia esigenza di accettare un incarico migliorativo, ha anche telefonato alla DS dell’altra scuola dicendo che io non ho ancora firmato il contratto, dato che tutte
le pratiche si stanno ancora perfezionando e vorrei prendere l’altro incarico. Sul SIDI, ad esempio, io non risulto in servizio tuttora!

L’altra DS risponde che, anche se non ho firmato il contratto, ho comunque preso servizio martedì 3 novembre, lei ha convocato il giorno seguente, quindi io non posso prendere la supplenza fino al 31/08. Il sindacalista dice che, anche se è migliorativa, non posso accettarla perchè ho preso servizio il giorno prima.

Ripeto: ho firmato il registro per le due uniche ore in cui sono stata in classe, ma non ho firmato nè presa di servizio nè contratto.

Perchè, per una questione di poche ore, devo rinunciare ad una supplenza fino al 31/08?

Tutti i miei colleghi mi ripetono che si è sempre potuto lasciare incarico fino a giugno per un altro fino ad agosto, a maggior ragione che si tratta di convocazioni arrivate con un giorno di distanza, durante l’espletamento delle operazioni.

Qui non si sta danneggiando una continuità didattica, molti di noi erano fino ad avente diritto da settembre e sono stati obbligati a cambiare scuole per via delle nuove convocazioni arrivate a Roma lunedì 3 per una questione di ore, mi si dice che non posso accettare un contratto fino al 30/08 per salvaguardare la continuità didattica!!! Grazie per una sua risposta.

Lalla – gent.ma Beatrice, quello che tu ci descrivi corrisponde esattamente a ciò che noi avevamo preventivato in un nostro articolo del 24 ottobre 2014
Supplenze: lasciare una cattedra al 30 giugno per una al 31 agosto nella speranza che i sindacalisti territoriali si rendessero conto della situazione e intervenissero richiedendo una soluzione all’Ufficio Scolastico.

Vi è da dire che nella tua situazione vi è una grave anomalia: ossia l’essere entrata in classe, aver firmato il registro e svolto la funzione docente senza aver firmato la presa di servizio (in pratica quel giorno eri nessuno, non eri legittimata a quella presenza). Questo significa che, necessariamente, la segreteria della scuola A dovrà farti firmare la presa di servizio con data coincidente alla tua firma sul registro.

La presa di servizio, come detto, è l’atto sostanziale con cui si instaura il rapporto di lavoro La presa di servizio è l’atto sostanziale del contratto di supplenza pertanto non è possibile rinunciare ad un contratto al 30 giugno per uno al 31 agosto dopo aver preso servizio. (lasciamo stare quanto affermano i colleghi, senza alcun riferimento alla normativa).

Come già spiegato nell’articolo, tale situazione avrebbe potuto evitarsi affidando le convocazioni ad una scuola polo, da svolgere tutta nella stessa giornata (tra l’altro l’Ufficio Scolastico di Roma aveva posto come unica data per le convocazioni il 3 novembre, per cui piuttosto avresti dovuto contestare alla seconda scuola che la convocazione in ritardo non ti ha permesso di scegliere, nella stessa giornata, la supplenza più conveniente – è su questo, sul mancato rispetto dell’indicazione dell’Ufficio Scolastico che dovrebbe intervenire il sindacalista).

Per come ci presenti la situazione, da un lato sei in difetto per la mancata presa di servizio, dall’altro non è possibile effettuare il cambio, però la seconda convocazione è contestabile.

Per evitare tutto ciò – magari lo si può suggerire ai sindacalisti per un’altra eventuale occasione – l’ufficio Scolastico di Verona ha invece strutturato la fase delle operazioni di convocazione in maniera diversa, ponendo la data di presa di servizio per tutti al 17 novembre (in questo modo un cambio come quello da te richiesto risulta possibile). Supplenze Verona, come conferire le supplenze da graduatorie di istituto definitive

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads