Supplenza e presa differita: riconoscimento giuridico del servizio equivale a punteggio

Floriana – mio marito, a causa di un incidente grave che lo tiene bloccato in ospedale da 2 settimane, non ha potuto prendere servizio a scuola dopo aver accettato, via mail e telefonicamente, una supplenza in qualità di docente. La scuola gli ha sottoscritto un contratto che ha decorrenza giuridica dal giorno indicato nella proposta di supplenza e decorrenza economica dal giorno in cui effettivamente assumerà servizio. Il mio quesito è: la nomina giuridica, contemplata in vari riferimenti normativi del caso, significa anche maturazione del punteggio? La ringrazio anticipatamente.

Paolo Pizzo – Gentilissima Floriana,

L’art. 9 del DPR 3/1957 (richiamato dall’art. 560 del Dlgs 297/94) prevede che “La nomina dell’impiegato che per giustificato motivo assume servizio con ritardo sul termine prefissogli decorre, agli effetti economici, dal giorno in cui prende servizio. Colui che ha conseguito la nomina, se non assume servizio senza giustificato motivo entro il termine stabilito, decade dalla nomina”.

Il punto 3 (DISPOSIZIONI COMUNI) della nota MIUR prot. n 8481 del 27 agosto 2014 recita: “la stipula del contratto, analogamente a quanto avviene per le assunzioni a tempo indeterminato, opportunamente perfezionata dal Dirigente scolastico attraverso le funzioni del sistema informativo, rende immediatamente fruibile gli istituti di aspettativa e congedo previsti dal CCNL. È inoltre estesa al personale a tempo determinato la possibilità di differire la presa di servizio per i casi contemplati dalla normativa (maternità, malattia, infortunio ecc.)”.

Se, quindi, il docente interpellato per una supplenza (anche tramite delega) accetti l’incarico ma non possa poi assumere servizio per un giustificato motivo (es. malattia, ricovero ecc.), avrà diritto comunque all’attribuzione della supplenza, ma dal momento che non assume servizio effettivo il contratto sarà valido ai soli fini giuridici. Gli effetti economici partiranno solo dopo l’effettiva assunzione in servizio.

Ti segnalo che nella CM 15/2011, che tratta, tra le altre cose, del congedo per dottorato per i docenti a tempo determinato si precisa:

“…si ritiene comunque opportuno precisare che le predette disposizioni esplicano, la propria  validità esclusivamente sotto il profilo giuridico (RICONOSCIMENTO DEL SERVIZIO AI FINI PREVISTI  DELLE VIGENTI DISPOSIZIONI).”

Pertanto, nessun dubbio che quando si parla di “riconoscimento giuridico” del servizio ci riferisca al punteggio.

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads