Scuola chiusa: nessun obbligo di servizio del docente. Nessun recupero delle ore non prestate

Laura – volevo sapere se legittima la richiesta del mio dirigente di recuperare le ore di lezione non effettuate perché la scuola era chiusa in quanto tutti gli Ata avevano aderito ad una assemblea sindacale. grazie.

Paolo Pizzo  – Gentilissima Laura,

intanto segnalo che l’art. 8/9 lettera b del CCNL/2007 dispone:

per le assemblee in cui è coinvolto anche il personale ATA, se la partecipazione è totale, stabilirà, con la contrattazione d’istituto, la quota e i nominativi del personale tenuto ad assicurare i servizi essenziali relativi alla vigilanza agli ingressi alla scuola, al centralino e ad altre attività indifferibili coincidenti con l’assemblea sindacale.

In ogni caso si precisa che quando la scuola viene chiusa, non importa qual è il motivo, il docente non solo non ha nessun obbligo di servizio ma non deve neanche recuperare l’attività non prestata. Il motivo è molto semplice: la chiusura della scuola non dipende da lui.

Essendo il rapporto di lavoro del personale della scuola di natura civilistica e obbligazionaria tra le parti che lo sottoscrivono, il principio giuridico di riferimento è l’art. 1256 del Codice civile, che recita:

“L’obbligazione si estingue quando, per una causa non imputabile al debitore (nel nostro caso dipendente della scuola), la prestazione diventa impossibile. Se l’impossibilità è solo temporanea, il debitore, finché essa perdura, non è responsabile del ritardo dell’adempimento”

Dovresti ricordarlo al Dirigente.

 

Posted on by nella categoria Didattica
Versione stampabile
ads ads