Graduatorie III Fascia ATA: l’istituzione scolastica che ha gestito il mod. D1, può decurtare il punteggio dichiarato?

Nunzio – Salve, volevo sottoporvi il seguente quesito. Ero inserito nella graduatoria permanente, per il profilo di CS della provincia di Salerno con punti 35,75. Ho fatto domanda di terza fascia per la provincia di napoli, depennandomi dalla provincia di Salerno. Nel calcolo del punteggio ho detratto 2 punti dal punteggio già acquisito in quanto all’epoca era stato valutata la licenza media ed ho aggiunto il punteggio del diploma di scuola superiore, raggiungendo il punteggio di 42,42. La scuola dove ho presentato l’istanza mi ha abbassato il punteggio, senza spiegazione decurtandolo a 39,15 punti. Lo poteva fare? O questo è di esclusiva competenza del Dirigente della scuola che assegna la prima supplenza? Grazie.

di Giovanni Calandrino – Gentile Nunzio, la segreteria destinataria dell’Allegato D1, al momento dell’inserimento della domanda in SIDI procede con la valutazione di tutti i titolo culturali e di servizio dichiarati, con riferimento all’Allegato A del DM 716/2014 (Tabella valutazione titoli).

Pertanto le consiglio di ricontrollare e procedere alla corretta valutazione, con riferimento alle tabelle integrate al decreto ministeriale 716/2014, di tutti i titoli in suo possesso, validi per l’inclusione nella III fascia delle graduatorie di circolo e di istituto ATA.

Di conseguenza una volta accertata l’inesattezza del punteggio attribuito, in riferimento all’art. 9 del D.M. 717 – 05/09/2014, quando le graduatorie di istituto saranno pubblicate in forma provvisoria, può procedere con opportuno “Reclamo”.

Il reclamo deve essere presentato al dirigente dell’istituzione scolastica che gestisce la domanda di inserimento, entro 10 giorni dalla pubblicazione della graduatoria provvisoria.

Leggi la guida

Graduatorie ATA terza fascia, pubblicazione (dove guardare) e reclami

Posted on by nella categoria Graduatorie ATA
Versione stampabile
ads ads