Abbandono di servizio per assunzione alle Poste

Docente – Gentilissima Lalla vorrei avere delle delucidazioni in merito ad una supplenza. In questi giorni ho ricevuto la seguente notizia:”di  aver vinto una causa contro le Poste Italiane in Corte di Appello con il ripristino a Tempo indeterminato di addetto al recapito nelle Poste Italiane”.Io in questi giorni sono su una supplenza a tempo determinato (dal 23Ottobre al 21Dicembre) fino al 21 Dicembre ,quindi dovrei licenziarmi ,perché venerdì  12 Dicembre dovrei accettare il contratto con Poste Italiane. Volevo sapere innanzitutto bastano 2 giorni prima per licenziarmi?e che cosa succede se mi licenzio? cioè in futuro ho diritto al ruolo?E poi il mio licenziamento è un motivo giustificato o no?La ringrazio anticipatamente per la sua disponibilità e le porgo i miei più cordiali saluti. Buon Natale!

Paolo Pizzo – Gentilissima Docente,

L’art. 8/1 del dm 131/07 afferma che

l’abbandono del servizio comporta la perdita della possibilità di conseguire supplenze, conferite sulla base delle graduatorie di circolo e di istituto, per tutte le graduatorie di insegnamento.

Il comma 4 specifica che le sanzioni di cui al comma 1 non si applicano o vengono revocate ove i previsti comportamenti sanzionabili siano dovuti a giustificati motivi suffragati da obiettiva documentazione da far pervenire alla scuola.

Pertanto, l’abbandono della tua supplenza sicuramente è giustificata dall’assunzione alle  Poste. Basterà infatti che documenti l’assunzione alla scuola. Cosa che potrai già comunicare da martedì.

In ogni caso anche laddove l’abbandono non fosse giustificato la sanzione è circoscritta all’anno scolastico in corso e non ha alcuna conseguenza per un’eventuale immissione in ruolo.

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads