Graduatorie III fascia ATA: la valutazione dei contratti di prestazione d’opera

SCUOLA – Buongiorno,
avremmo bisogno di una Vs. cortese risposta per questa problematica.
Abbiamo delle perplessità circa la valutazione da dare, per le graduatorie ATA III Fascia, che riguardano i seguenti titoli:

– Contratto di prestazione d’opera intellettuale per attività e insegnamenti della terza area professionalizzante (presso Istituto Scolastico)
– Contratto di assistenza e manutenzione dei pc e di tutto il software, didattico e di Segreteria (presso Istituto Scolastico ed altri Enti Pubblici)
– Contratto prestazione opera professionalizzante (presso Istituto Scolastico ed altri Enti Pubblici a seguito di pubblica selezione)
– Contratto di collaborazione coordinata e continuativa (presso altri Enti Pubblici)
– Incarichi di natura professionale (presso altri Enti Pubblici)
– Incarico (contratto d’opera) nei corsi di Formazione Professionale (presso altri Enti Pubblici)
In attesa di una Vs. gradita risposta, porgiamo i più cordiali saluti.

di Giovanni Calandrino – Gentilissima SCUOLA, i contratti di prestazione d’opera, stipulati da personale cui viene affidato lo svolgimento di attività, sono posti in essere in virtù di “convenzioni e sotto forma di rapporto di collaborazione coordinata e continuativa” per cui viene meno un rapporto di lavoro caratterizzato come “dipendente” ma soltanto un obbligo tra le parti.

Per quanto innanzi esposto risulta, quindi, chiaro ed evidente che il servizio prestato con contratto d’opera non può essere inteso come “servizio prestato in qualità di personale ATA nelle istituzioni scolastiche statali né altro servizio comunque prestato” e quindi esso non va valutato.

Per quanto riguarda i servizi prestati presso Enti Pubblici, si ricorda che: Il servizio da valutare è solo quello prestato alle dirette dipendenze degli EE.LL, cioè il servizio che determina un rapporto di lavoro mediante la stipula di contratti sottoscritti ai sensi di specifiche norme contrattuali del CCNL del richiamato comparto.

Non sono, pertanto, valutabili, i servizi prestati in qualità di dipendente di Aziende comunali, provinciali o regionali, quali, ad esempio le aziende municipali di trasporto.

Non sono, altresì, valutabili i servizi prestati in qualità operatore socioassistenziale nell’ambito di progetti sociali posti in essere dagli EE.LL., anche se destinatari di detti progetti siano le istituzioni scolastiche statali.

Posted on by nella categoria Graduatorie di Istituto (docenti precari)
Versione stampabile
ads ads