Assenza ciclica e computo dei giorni festivi

Scuola – Buongiorno, vorrei sottoporvi questo caso: docente si assenta dal 29/10/14 al 27/11/14 (30 gg) congedo parentale retr. al 100% dal 28/10/14 al 04/12/14 congedo parent. malattia bambino 1^ anno il 05/12/2014 assenza per malattia dal 09/12/14 al 12/12/14 congedo parent. malattia bambino 1^ anno. La docente non copre i giorni 6/7/8 dicembre 2014, trattandosi di assenza continuativa, come si deve comportare la segreteria considerando che c’è una supplente con ultima data contratto 5/12/2014? I giorni 6/7/8 dicembre vanno considerati assenza? a che titolo? o devono essere considerati servizio e come? GRAZIE.

Paolo Pizzo – Gentile scuola,

i giorni di sabato e i due festivi (domenica e lunedì) devono essere considerati come malattia bambino.

La docente infatti intervalla la stessa tipologia di congedo (malattia bambino) con altro congedo (malattia propria) senza però mai rientrare in servizio.

In poche parole ci troviamo di fronte ad un’assenza di tipo “ciclica” che ha inizio con un periodo di congedo per malattia del bambino e termina con la fruizione dello stesso congedo, intervallato da altra tipologia di assenza, senza però che si verifichi il rientro effettivo del docente.

Giova ricordare che ai sensi dell’art. 12, comma 6, del CCNL 29/11/2007 (congedi parentali) ”6. I periodi di assenza di cui ai precedenti commi 4 e 5 [congedo parentale e malattia del bambino], nel caso di fruizione continuativa, comprendono anche gli eventuali giorni festivi che ricadano all’interno degli stessi. Tale modalità di computo trova applicazione anche nel caso di fruizione frazionata, ove i diversi periodi di assenza non siano intervallati dal ritorno al lavoro del lavoratore o della lavoratrice.”

Ai sensi inoltre della nota INPS n. 19772 del 18 ottobre 2011, le giornate del sabato, della domenica e del lunedì (questi ultimi giorni festivi) devono essere computate in conto congedo in quanto l’assenza per malattia personale ricade all’interno di due differenti frazioni di congedo per malattia bambino senza nessuna ripresa del servizio.

Si precisa che al supplente in servizio fino al 5 non dovrà essere interrotto il contratto nemmeno per un giorno in quanto gli spetta, per continuità didattica, una proroga contrattuale che comprenda anche i giorni festivi e fino alla nuova assenza della titolare.

Posted on by nella categoria Supplenze, Assenze
Versione stampabile
ads ads