Assenza prolungata o ritiro dell’alunno. Devo temere per il mio contratto?

Mariateresa – Ho un contratto di 18 ore sul sostegno fino al 30 giugno, ma uno dei due alunni dva non ha mai cominciato la frequenza dell’anno scolastico ( pare non sia mai ritornato dall’Egitto ). Con lui avrei 6 ore che sto svolgendo comunque sulla classe. Se non dovesse più tornare il mio contratto rimarrebbe invariato ? In segreteria mi hanno detto di sì, ma gradirei una vostra risposta. Ammesso, invece, che arrivasse una richiesta di nulla osta, in che termini si modificherebbe il mio contratto? Grazie per la cortese attenzione

Lalla – gent.ma Maria Teresa, a questo quesito non esiste una risposta univoca. Ci sono infatti Uffici Scolastici che hanno regolamentato il caso, per cui prevedono precisi comportamenti a seconda che si verifichi o un’assenza prolungata, o il ritiro dell’alunno, o la richiesta di nullaosta. Ci sono invece regioni – scuole- che non prevedono questi casi, per cui la soluzione viene trovata di volta in volta, a seconda delle necessità.

In ogni caso il tuo contratto non è messo in dubbio.

Ti invitiamo a leggere

Insegnanti di sostegno. Cosa accade in caso di assenze prolungate o ritiro dell’alunno disabile

Trasferimento o ritiro dell’allievo disabile: il docente di sostegno come dev’essere impiegato?

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads