Pagamento sabato e domenica. Proroga del contratto. Vacanze di Natale.

Tania – Buongiorno,vorrei sapere un’informazione relativa ad una supplenza. Si tratta di una scuola primaria a tempo pieno. La settimana scorsa dal 15 dicembre al 17 dicembre ho fatto una supplenza in una classe terza in sostituzione dell’insegnante di matematica. Poi il 18 dicembre ho fatto una supplenza per un giorno in quella stessa classe in sostituzione dell’insegnante di italiano, il giorno successivo mi hanno fatto una proroga di un giorno per congedo (familiare malato grave). Mi spetta il pagamento del sabato e della domenica perché ho completato l’orario settimanale. Per cui la proroga del contratto va dal 19 dicembre al 21 dicembre. Lunedì l’insegnante continua ad essere assente per congedo però la scuola non mi fa la proroga perché il 22 è l’ultimo giorno di scuola prima delle vacanze di Natale e le lezioni terminano alle 14, prima rispetto all’orario normale. La spiegazione data dalla scuola è che è presente l’altra insegnante di matematica e poi c’è anche l’insegnante di sostegno. Ma in questo modo si perde la continuità didattica visto che è molto probabile che la supplenza continuerà?Grazie Distinti saluti.

Paolo Pizzo – Gentilissima Tania,

il MIUR nella nota  del 18 dicembre 2013 ha avuto modo di chiarire che per effetto dell’art. 40 del CCN/2007 il dipendente che completi tutto l’orario settimanale ordinario ha diritto al pagamento della domenica ai sensi dell’art. 2109 comma 1 del Codice Civile.

Inoltre, come precisato dall’ARAN, in risposta a specifico quesito, la previsione contrattuale si estende al pagamento del sabato qualora risulti giorno libero del dipendente.

Per orario ordinario deve intendersi 25 ore settimanali nella scuola dell’infanzia, 24 ore nella scuola primaria, 18 ore nella scuola secondaria, 30 ore nelle istituzioni educative, da svolgere in non meno di 5 giorni settimanali, e 36 ore per il personale ATA.

Ai fini dell’applicazione della disposizione in questione l’orario settimanale può essere stato effettuato anche in più scuole ma purché si riferisca al medesimo grado di scuole per il personale docente ed educativo e al profilo della medesima area per il personale ATA.

In caso di completamento dell’orario ordinario in più scuole il pagamento della domenica e dell’eventuale sabato libero sarà disposto dall’ultima scuola di servizio che vi darà luogo previe le necessarie notizie fornite dai dirigenti scolastici interessati e dal supplente interessato circa i precedenti servizi settimanali e le opportune verifiche della scuola medesima.

Pertanto, se effettivamente hai svolto le 24 ore settimanali dal lunedì al sabato hai diritto anche al pagamento della domenica che dovrà essere ricompresa nel contratto.

Per ciò che riguarda la proroga, questa è regolata dall’art. 7/4 del DM 131/07 il quale specifica che:

Per ragioni di continuità didattica, ove al primo periodo di assenza del titolare ne consegua un altro, o più altri, senza soluzione di continuità o interrotto solo da giorno festivo o da giorno libero dall’insegnamento, ovvero da entrambi, la supplenza temporanea viene prorogata nei riguardi del medesimo supplente già in servizio, a decorrere dal giorno successivo a quello di scadenza del precedente contratto.

Se dunque la docente non è rientrata in classe ti spettava comunque la proroga della supplenza.

Per l’eventuale continuazione della supplenza dopo le vacanze ti invito a leggere questa guida.

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads