Pensione con decorrenza 1/9/2015, raggiungendo il requisito prescritto dalla normativa entro il 31 dicembre 2015

Antonio – Scrivo per conto di mia madre maestra scuola elementare, nata 19.1.1956 al 31 agosto 2015 maturerà 41 anni, 5 mesi e 24 gg. il nuovo decreto di pensionamento, per ovviare ai problemi post Fornero, recita: aver maturato 41 anni e 6 mesi al 31 dicembre 2015. considerato che per la scuola il pensionamento si fa coincidere al 31 agosto 2015, in questo specifico caso cosa succederebbe. le domande sono: 1- avrebbe mia madre la possibilità di chiedere già da ora il pensionamento? 2. che penalità avrebbe? Grazie.

FP – Gentile Antonio,

in merito alla richiesta di chiarimento per sua mamma le segnalo che  (considerata l’ anzianità di servizio al 31/8/2015 di 41 anni e 5 mesi di  servizio) può andare in pensione con decorrenza 1/9/2015, raggiungendo il requisito prescritto dalla normativa entro il 31 dicembre 2015. Le preciso che nel suddetto anno il requisito per la pensione anticipata per  le donne, previsto dalla L. 214/2011 è di 41 anni e 6 mesi.

Si precisa che nonostante venga raggiunto il requisito per la pensione  successivamente al 31/8, la decorrenza della pensione rimane comunque 1/9.

Quanto appena affermato trova riscontro:
– nell’art. 59, c.9 della L.449/97, che consente l’accesso al pensionamento  all’inizio del nuovo anno scolastico (rispettivamente 1° settembre) ancorché i requisiti prescritti vengano maturati entro il 31 dicembre del medesimo anno;
– nella nota MIUR prot. 18851 del 11/12/2014: “la pensione anticipata,  rispetto a quella di vecchiaia, potrà conseguirsi, a domanda, solo al  compimento di 41 anni e 6 mesi di anzianità contributiva, per le donne, e 42  anni e 6 mesi per gli uomini da possedersi entro il 31 dicembre 2015, senza  operare alcun arrotondamento.

Per quanto concerne la penalizzazione, il comma 113 della Legge di Stabilità,  prevede che, con effetto sui trattamenti pensionistici decorrenti dal 1°  gennaio 2015, limitatamente ai soggetti che maturano il previsto requisito di  anzianità contributiva entro il 31 dicembre 2017, pur non possedendo 62 anni di  età anagrafica, non si applicano più le penalizzazioni previste dalla cd. Legge  Fornero (1% per ciascuno dei due primi anni + 2% per ciascun anno successivo ai  primi due) per l’accesso alla pensione anticipata.

 

Posted on by nella categoria Pensioni
Versione stampabile
ads ads