L’art. 11 bis del D. L. 102/2013 ha introdotto una novità in materia pensionistica

Chiara  – Buonasera, vorrei sapere se potrei rientrare nella sesta salvaguardia avendo usufruito di permessi legge 104 dal 2000 al 2013 in quanto lavoratore con handicap grave. Avrei maturato quota 96 ad Agosto 2012 essendo nata nell’aprile 1952 e avendo un servizio di 35 anni e 10 mesi sempre al 31 agosto. Il documento da citare nella auto dichiarazione è il verbale dell’ asl della 104? Grazie mille, purtroppo me ne sono resa conto solo ora, spero le domande non vengano accolte secondo l’ordine di arrivo!

FP – Gentile Chiara,

in merito alla sua richiesta, in premessa le segnalo che l’art. 11 bis del D. L. 102/2013 ha introdotto una novità in materia pensionistica, ampliando  di fatto la possibilità di “uscita” del personale della scuola secondo i  requisiti previgenti la riforma pensionistica cosiddetta Fornero.

Si precisa che quanto sopra è stato ripreso dalla Legge n. 147 del 10/10/2014,  in particolare si segnala:

“L’articolo 2 prevede l’applicazione ad ulteriori categorie di lavoratori dei  requisiti di accesso e del regime delle decorrenze vigenti prima dell’entrata  in vigore del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito con modificazioni dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214”.

Nella fattispecie per poter usufruire della suddetta possibilità bisogna:

1) aver usufruito, nel 2011, di permessi ai sensi dell’art. 42 del D.Lgs.  151/2001 o ai sensi dell’art. 33 comma 3 della L. 104/1992, per dedicarsi all’  assistenza di figli o altri familiari con handicap gravi;
2) maturare entro 48 anni dall’entrata in vigore della L. 214/2011, i  requisiti anagrafici/contributivi utili al pensionamento secondo la normativa  pensionistica pre-Fornero.

Pertanto non rientra nella casistica, in quanto si parla di assistenza ai  figli o familiari con handicap gravi.

Posted on by nella categoria Pensioni
Versione stampabile
ads ads